L’Inter è bella. La Roma terza

Nonostante gli errori, ieri la Roma si è salvata grazie a Dzeko, che in 33 minuti ha toccato 11 palloni in area interista

di Redazione, @forzaroma

Alla fine da Roma-Inter è uscito un pareggio che scontenta tutti. Roma interrotta, stop alla serie delle otto vittorie consecutive, ma i tifosi ci pensino bene prima di gettare la croce addosso a Dzeko. Che piaccia o no, la squadra ha raddrizzato il risultato quando Spalletti ha spedito in campo il bosniaco, scrive Sebastiano Vernazza su “La Gazzetta dello Sport“.

Partita iniziata senza centravanti. La rinuncia di Spalletti alla prima punta rappresenta una precisa scelta. Perotti viene investito pro­forma del ruolo, in realtà l’argentino corre dappertutto tranne che nel cuore dell’area. L’obiettivo è dichiarato, non concedere riferimenti fissi ai due centrali difensivi nerazzurri e creare un vuoto tra la difesa interista e il centrocampo. Il piano non riesce, perché Medel e Murillo non sono fessi e presidiano a dovere la «no man’s land».

Spalletti all’intervallo si rende conto che col «falso nove», contro quest’Inter attenta a evitare che si creino corsie preferenziali per i velocisti della Roma, si rischia di fare il gioco dell’avversario. Così, in principio di ripresa, ridisegna il tridente, dirotta Perotti in fascia e «centralizza» Salah. Una ripartenza alta ben orchestrata dall’Inter rende però subito superfluo l’accorgimento e il diagonale di Perisic va in rete.

A quel punto via Keita e dentro Dzeko, un vero nove. Il bosniaco di testa obbliga Handanovic a super deviazione e buon per l’Inter che arbitro e giudice di porta non si accorgano del mani di Miranda a smorzare la conclusione; Dzeko, solo davanti a Handa e con la porta spalancata, scaraventa il pallone in curva; Dzeko suo malgrado respinge di pancia un tiro a botta sicura di Salah; Dzeko, di riffa o di raffa, con un assist «sporco», imbecca Nainggolan per il gol dell’1­1. Ieri la Roma si è salvata grazie a Dzeko, che in 33 minuti ha toccato 11 palloni in area interista.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy