Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

La Roma si trasforma. I Friedkin e la rivoluzione senza fine

Getty Images

Va via anche Fienga, l’ultimo baluardo della gestione Pallotta. Al suo posto ecco Pietro Berardi

Redazione

Adesso è definitivamente la Roma dei Friedkin, scrive Andrea pugliese su La Gazzetta dello Sport. Anche l’ultimo baluardo della gestione Pallotta è venuto giù, anche se non è stata una caduta fragorosa e dolorosa, ma una scelta condivisa. Ieri Guido Fienga ha lasciato la società anche se il suo addio non è un vero e proprio addio: rimane come advisor esterno di NEEP Roma Holding SpA. Al suo posto i Friedkin hanno scelto Pietro Berardi. Probabilmente è la fine della transizione che i texani avevano studiato a tavolino quando hanno preso la Roma. Prima di salutare Fienga la società aveva cambiato praticamente tutti gli uomini che c’erano prima. Felice il nuovo CEO che nel 2020 era stato presidente e CEO di Pirelli nel Nord America e che ieri ha incontrato lo stesso Fienga: “Sono onorato di unirmi alla Roma in un momento così emozionante della sua crescita. Ci metterò il massimo impegno e della passione per raggiungere i nostri obiettivi". Con la presenza fissa di Ryan Friedkin a Roma non c’era più bisogno di un CEO operativo come Fienga. Le decisioni sono tutte loro.