La Roma dura poco. Il solito Under segna e illude, poi lo Shakhtar fa il ribaltone

Dopo un buon primo tempo i giallorossi crollano, subiscono due gol e ringraziano Alisson e Peres che evitano un passivo pesante

di Redazione, @forzaroma

Una Roma double face, bella e autorevole prima e Rometta impaurita e sfilacciata poi. Dal gelo di Kharkiv, la squadra di Di Francesco ritorna prima di tutto con un risultato che lascia ben aperte le porte della qualificazione ai quarti che le manca da 10 anni. Sconfitta di misura con gol, in fin dei conti niente male. Ma la banda Di Francesco esce dal Metalist stadion con un mix di sentimenti, rimpianti e sospiri di sollievo. Negli occhi restano la bella prima fase, le occasioni mangiate, il quinto gol di Under (più un assist) nelle ultime 4 partite. E poi la sottomissione nella seconda fase della gara, il tesoretto che viene sprecato e le super parate di Alisson che tengono in vita squadra e Champions. Alla fine il risultato di questa sfida bella e combattuta è giusto, nel complesso la squadra di Fonseca è stata superiore. Ma per come si era messa la gara, la Roma poteva uscire indenne dal fortino della Shakhtar, dove quest’anno hanno perso Napoli, Feyenoord e City. Ma bisogna ringraziare Bruno Peres che ha salvato sulla linea a tempo quasi scaduto un tiro di Ferreyra.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy