La primavera di Edin-gol: «E il bello deve ancora venire»

Il riscatto del bosniaco felice: «Devo ringraziare Spalletti, ha fatto bene a scegliermi»

di Redazione, @forzaroma

Prima il calvario di Dzeko causa sprechi ed eliminazione contro il Real Madrid, poi la resurrezione consumata a Udine, quando è suo il gol apriscatole del match. A proposito, è il 9° stagionale (7 in campionato), a un passo dalla doppia cifra, il che per un centravanti in crisi d’identità non è poi così malaccio. Non è un caso in fondo che Spalletti dica: «Edin è capace di queste cose e anche di altre. Non mi ha pregato per avere una maglia da titolare, ma gliel’avrei data lo stesso altrimenti psicologicamente lo perdi. E così alla prossima gliela ridarò ancora una volta e nello spogliatoio lo bacerò due volte».
Dagli Stati Uniti, come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”il presidente Pallotta si associa alla felicità degli oltre tremila tifosi giallorossi che sciamano felici dallo stadio. «Bella vittoria – dice il numero uno del club, che incassa la vittoria come dono per il suo 58° compleanno – la strada è quella giusta».

Dzeko rivendica con orgoglio il suo lavoro. «Negli ultimi tempi i numeri sono dalla mia parte – spiega –, visto che nelle ultime 3 partite di campionato in cui sono stato titolare ho segnato 4 gol. Certo, si può sempre migliorare. In generale, quello italiano è un campionato difensivo e avevo bisogno di tempo per integrarmi. Mi sento sempre meglio, sulla strada giusta e spero di continuare così. Il mio futuro comunque è a Roma. I tifosi, poi, sono stati sempre dalla mia parte». Dzeko sa però che quella decisiva è la fiducia di Spalletti. «Importante che, dopo Madrid, me l’abbia data. E per questo devo ringraziarlo. In partite come questa con l’Udinese, è utile segnare subito. Adesso sono pronto per il rush finale, anche perché, in tutte le squadre dove ho giocato, gli ultimi mesi di campionato sono stati sempre importanti per me».

(M. Cecchini)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy