La difesa baby all’esame verità contro la Juve

Sfida lanciata a CR7, giocherà un terzetto di giovani: Ibanez, Kumbulla e Mancini. La loro prima volta fu proprio all’andata

di Redazione, @forzaroma

Una difesa così giovane la Roma probabilmente non ce l’ha mai avuta, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. Almeno prima di quest’anno, quando si è deciso di investire su dei prospetti che potessero diventare futuri campioni. Così sabato prossimo, in casa della Juventus, Fonseca si presenterà con il terzetto arretrato formato da Mancini, Ibanez e Kumbulla. Una media di 22 anni.

È chiaro come il terzetto di baby sia una scelta obbligata per Fonseca, a causa dell’infortunio riportato da Smalling contro il Verona. E, anche per la squalifica di Pellegrini e l’infortunio di Pedro, due situazioni che probabilmente porteranno l’allenatore della Roma a dover schierare Cristante in mezzo al campo.

E la prima volta che il terzetto di giovani è andato in campo insieme è successa proprio contro la Juventus, all’andata, in una partita finita 2-2 ed in cui la Roma avrebbe meritato probabilmente qualcosa in più del pareggio. Poi il terzetto è stato schierato anche la partita dopo a Udine (vittoria per 1-0, gol di Pedro) e in casa del Milan (rocambolesco 3-3). Infine, ovviamente, anche domenica scorsa contro il Verona, quando Smalling ha alzato bandiera bianca ed al suo posto è subentrato Kumbulla (dopo appena 12 minuti di gioco).

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy