Juventus, Dzeko resta la prima scelta. Ma Suarez è in caldo, con l’assist del nostro fisco…

Il bosniaco in stand by: Roma e Napoli devono trovare l’intesa per Milik. Luis cerca una buonuscita dal Barça e pensa all’accordo con i bianconeri

di Redazione, @forzaroma

Tutto resta bloccato, il tempo stringe e la Juve ha fretta. E accelera. Perché Andrea Pirlo ha bisogno il prima possibile di un centravanti. Fabio Paratici si è mosso per tempo e ha già messo le mani su Edin Dzeko: l’attaccante bosniaco piace moltissimo a Pirlo, che lo ritiene perfetto per fare il partner di Cristiano Ronaldo (che la pensa allo stesso modo), ma lo scoglio – sottolinea ‘La Gazzetta dello Sport’ – è la triangolazione con Roma e Napoli che coinvolge anche Arkadiusz Milik. Se il polacco andasse in giallorosso l’effetto domino partirebbe e tutti i tasselli andrebbero velocemente al loro posto.

Ma per adesso il surplace continua e la Juve sta facendo più di un pensiero a Luis Suarez. Così la società bianconera ha cominciato il dialogo con l’entourage dell’uruguaiano e si è approfondito il discorso stipendi. L’operazione Suarez ai campioni d’Italia costerebbe su per giù come quella relativa a Dzeko, almeno in tema di stipendio. Merito della favorevole tassazione italiana e del famoso Decreto Crescita. Per intenderci: se Suarez si “accontenterà” di 10 milioni netti all’anno, dalle casse bianconere uscirebbero “solo” 15 milioni. Gli stessi più o meno che servirebbero per accontentare Dzeko che chiede 7,5 netti, oltre ai 10 che chiederebbe la Roma per il cartellino.

Insomma, la situazione è molto fluida, di certo c’è anche il gradimento di Suarez a trasferirsi a Torino. La sensazione è che il duello tra Dzeko e Suarez, si deciderà sul filo del tempo: il primo che si libera avrà molte probabilità di vestire la nove bianconera e agire così al fianco di Cristiano Ronaldo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy