Inter, Conte cerca la diga: per Smalling si punta al prestito oneroso con diritto di riscatto

I nerazzurri potrebbero dire addio a Skriniar, rimpiazzandolo col difensore dello United

di Redazione, @forzaroma

Solo tre volte nell’intera scorsa stagione gli uomini di Conte hanno incassato tre reti in un solo match. Stavolta è accaduto all’esordio. E una correzione, oltre che una spiegazione, è d’obbligo.

Presto detto: quella difesa non c’è più, perché Godin è andato a Cagliari e Skriniar è più a Londra che a Milano. Smonta e rimonta, ci sta che non tutti i pezzi vadano subito al loro posto, riporta “La Gazzetta dello Sport”.

Ma c’è da credere che sarà proprio il mercato a trasformare l’Inter da qui a una settimana. Questione di incastri non semplici, ma ci sta che tra una settimana esatta la lettura della rosa nerazzurra possa essere discretamente differente da quella attuale. Sono le ore di Skriniar, queste. Il difensore ha detto sì agli Spurs, nei giorni scorsi ha pure messo like sui social alle foto di Bale.

La necessità di Conte di un centrocampista potrebbe spingere l’Inter a impostare la trattativa per il sostituto di Skriniar solo in prestito. In forte ribasso la candidatura di Kabak, il preferito per giocare in un reparto a tre è Milenkovic della Fiorentina, ma il più semplice da agganciare in sede di mercato è Smalling: qui l’Inter sta progettando un’offerta in prestito oneroso con diritto di riscatto. Se così fosse, vorrebbe dire aver tenuto in casa una parte di risorse necessarie per finanziare il colpo che Conte chiede: non se ne esce, è Kanté. Per il Chelsea non è incedibile, l’ha fatto capire anche il tecnico Lampard che insegue Rice del West Ham.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy