In fila per Conte. Ritorno di fiamma del Psg, ma l’Inter si è mossa e la Roma ora ha fretta

In fila per Conte. Ritorno di fiamma del Psg, ma l’Inter si è mossa e la Roma ora ha fretta

I giallorossi attendono una risposta entro il 12 maggio, a Parigi nuova crisi Tuchel, i nerazzurri in attesa e in contatto

di Redazione, @forzaroma

In queste ore in giro per l’Europa si parla molto del futuro di Antonio Conte. L’allenatore leccese tiene in tanti con il fiato sospeso. Non è un mistero che in Italia siano in corsa per averlo sia l’Inter che la Roma, senza contare la suggestione Juve e il feeling datato con il Milan. Così come all’estero Psg, Manchester United e Bayern hanno carte da giocare per sedurlo.

Le ultime voci, scrivono Carlo Laudisa e Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport, parlano di un ritorno di fiamma del Paris Saint Germain, tormentato da un finale di stagione surreale. Nonostante il recente rinnovo, Tuchel è finito nell’occhio del ciclone e l’emiro Al-Thani potrebbe ripensare proprio a Conte, già avvicinato un anno fa.

Al Milan accarezzano l’idea di entrare in scena, e in casa Inter c’è una sorta di gioco a nascondino. L’a.d. Beppe Marotta non perde occasione per dare fiducia a Luciano Spalletti, forte di altri due anni di contratto e di una Champions League ormai all’orizzonte. In realtà i ripetuti contatti di questi mesi con l’onnipresente Conte sono la prova che la famiglia Zhang sta vagliando anche le opzioni più ambiziose. Le manovre sotterranee fanno credere che la società si sia posizionata bene in questa delicata rincorsa.

La posizione della Roma è abbastanza chiara. La dirigenza – tra Londra e la Toscana – ha già incontrato Conte almeno tre volte, esponendo i propri progetti con o senza la qualificazione in Champions League. Per l’allenatore non è decisivo parteciparvi, così com’è noto che – oltre a trovare probabilmente l’amico Petrachi – stimi il pacchetto dei giovani talenti giallorossi. Neppure l’ingaggio super (10 milioni e passa a stagione per 3 anni) sarebbe un ostacolo; l’importante però è che Conte sposi la filosofia del club, cioè il bisogno di ricorrere spesso alle plusvalenze, controllando il monte ingaggi, sempre a caccia di giocatori da valorizzare. Per questo Conte e la Roma non sono entrati nel merito delle scelte, ma l’allenatore ha detto che darà presto una risposta. Quando? Entro il 12 maggio, giorno in cui si giocherà Roma-Juve.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy