Ilicic rianima il Palermo Roma, ciao Champions

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – M.Cecchini) Dov’eravamo rimasti? A quel 24 novembre, all’ultimo hurr? maturato per giunta nel derby con il Catania prima dell’arrivo del quasi nulla. Nei 4 mesi successivi infatti nessuna vittoria, solo 7 punti raggranellati e la classifica che recita: Palermo in zona B. Ma Pasqua ? tempo di miracoli e in un colpo solo ? complice una Roma in versione inspiegabilmente balneare ? Sannino assapora la prima vittoria della sua doppia gestione rosanero e riapre la porta della speranza salvezza (ora a 3 punti) con un 2-0 maturato grazie ai gol di Ilicic e Miccoli. Proprio i due, guarda caso, che firmarono l’ultimo successo.

Vittoria meritata e certificata da due legni colpiti dallo stesso Miccoli e Kurtic, che anabolizzano le colpe dei giallorossi, all’11? k.o. e incapaci di sfruttare un gran jolly in chiave Europa donatogli dalle sconfitte di Fiorentina e Inter.

 

 
AMORE MICCOLI? Inutile dire come i 26 punti di differenza in classifica non si notino perch? il Palermo (che fino a ieri in casa aveva raggranellato solo 15 punti) capisce subito la vulnerabilit? delle fasce romaniste, visto che Lamela da un lato e Marquinho dall’altro non riescono a reggere n? le cavalcate di Morganella e Dossena (e poi Garcia) n? soprattutto i tagli di Ilicic, vero uomo ovunque dell’attacco.
Certo, i rosanero ? pur piazzando l’utile Donati davanti alla difesa e sfruttando il lavoro in mediana di Barreto e Kurtic ? devono accettare che la Roma allarghi il campo per favorire gli inserimenti di Perrotta e Florenzi, lasciando per giunta De Rossi libero di avanzare indisturbato fino alla trequarti, per? le ripartenze avversarie a quel punto sono dolorose per Stekelenburg & Co, privi di Marquinhos. Insomma, sfidandosi due squadre che difendono a tre, chi domina le fasce vince. Non a caso, nei primi 25 minuti, la squadra di Sannino segna con Ilicic servito da un Miccoli in stile ?king size?, colpisce una traversa su punizione con lo stesso capitano e centra un palo con Kurtic servito sulla fascia da Morganella.
Quanto basta perch? si capisca come la Roma sia fragile, nonostante arrivi fino ai sedici metri con discreta facilit?. Ma la pessima giornata sotto porta di Marquinho (sciupa tre occasioni) e la reattivit? di Sorrentino su Totti e, nella ripresa, su Pjanic e Osvaldo, annacquano le velleit? d’impresa giallorosse. Perch? d’impresa si tratta, visto che al 35′ ? Ilicic ? contestato all’annuncio delle formazioni ? a ricambiare il favore a Miccoli, servendolo al centro di un’area presidiata dal solo Burdisso. ? il 2-0, che sprofonda la Roma nei soliti equivoci.

 

 
LUCE PJANIC?Nella ripresa Andreazzoli rovescia il tavolo puntando sul malinconico Osvaldo e soprattutto su un Pjanic che accende il gioco. Un dato poi fa tremare il Barbera: i rosanero sono ultimi in classifica per punti nei secondi tempi. E in effetti, liberi della lentezza di Tachtsidis e dalla frenesia di Perrotta, i giallorossi in 7 minuti vanno gi? al tiro due volte, costringendo i padroni di casa nella loro trequarti.
L’ingresso di Dybala per l’acciaccato Miccoli (che non segnava proprio dal derby di 4 mesi fa) evidenzia come il ragazzino sia ancora acerbo per fare reparto. Cos? la Roma preme senza patire pi? troppo dietro e cos? al 14′ Von Bergen deve salvare sulla linea una giocata di Marquinho che aveva scavalcato Sorrentino. Da met? ripresa in poi, per?, la stanchezza fa abbassare i ritmi e cos? il Palermo, perso Barreto per infortunio, rischia solo per una sciocca palla persa di Munoz che innesca Osvaldo neutralizzato da Sorrentino.
Ma ? gi? il 41′, perci? tempo pi? di rimpianti che di propositi. La resurrezione rosanero ? servita, quella giallorossa (al solito) persa lungo il solito calvario dei ?vorrei ma non posso?.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy