Il tribunale dei tifosi esausto della Roma. E ora pure Spalletti è ai “titoli di coda”

Società, giocatori e allenatore nel mirino di radio e social. Poi l’accusa dei grandi ex. Giannini: “Basta queste vergogne”

di Redazione, @forzaroma

I tifosi non ce la fanno più. Lo scudetto che manca dal 2001, coppe europee neanche a parlarne, la Coppa Italia che non si vince dal 2008, l’unica finale persa nel 2013 contro la Lazio: i romanisti sono esauriti. 

Come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, da Pallotta a Spalletti, passando per i manager e i giocatori, non si salva nessuno. Mentre il presidente, dagli Usa, continua a tacere, si fa notare come l’unico dirigente a parlare dopo il derby sia stato Massara, l’ormai ex direttore sportivo, e si fa notare anche come “certi giocatori non hanno avuto problemi a mettere le foto del loro relax durante il giorno di riposo, senza dire una parola sulla Lazio”.

A parlare, opinionisti nelle varie radio, sono stati – eccome – gli ex giocatori. Se Angelo Di Livio, a Trs, dice che “è ora che la Roma inizi ad essere più cattiva e concreta, se Dzeko avesse segnato sarebbe stata un’altra storia”, Roberto Pruzzo a Radio Radio sottolinea come “sia ora che i giocatori tornino con i piedi per terra, anche perché Spalletti è ai titoli di coda”. A Rete Sport Delvecchio ammette: “La mia Roma perse 4 derby di fila, ma mai scendendo in campo così rassegnata”, mentre a Centro Suono le parole di Giannini rimbalzano senza sosta per tutta la giornata: “La Roma ha offerto uno spettacolo ignobile. Io mi sono rotto le scatole (eufemismo, ndr ) di assistere a partite così, a figure così vergognose. I fenomeni – dice riferendosi a Spallettinon esistono. Conte forse lo è, perché vince ovunque, lui è solo un buon allenatore, nulla di più”.

(C. Zucchelli)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy