Il mirino di Zaniolo: l’Europeo, Fonseca e tanta palestra per tornare più forte

Il 2021 sarà l’anno della rivincita di Nicolò. Il suo obiettivo: rientrare già a marzo

di Redazione, @forzaroma

Sarà che a sentire parlare Roberto Mancini lunedì pomeriggio, subito dopo il sorteggio per le qualificazioni al Mondiale di Qatar 2022, gli è venuta ancora più voglia di prima. O sarà che di stare ancora a guardare le partite davvero non ne può più ed allora la migliore cosa è solo pensare a quando arriverà il giorno del rientro, sperando che sia il prima possibile. Sta di fatto che anche ieri Nicolò Zaniolo ha deciso di dedicarsi anima e corpo al suo percorso di riabilitazione, spingendo sull’acceleratore a Trigoria come fa oramai da un po’ di tempo, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport.

Tanta fisioterapia, quasi 5 ore di lavoro, tra palestra e campo, divise ovviamente tra mattina e pomeriggio. Insomma, Nicolò ci sta davvero mettendo tutto se stesso per tornare il prima possibile. E inseguire il sogno di partecipare all’Europeo di giugno. Del resto, Mancini lunedì gli ha dato molto più di una carezza pubblica. “Io spero di riavere Zaniolo già per le qualificazioni, a marzo saranno passati sei mesi dall’infortunio e ci può stare come tempo di recupero – ha detto il c.t. dell’Italia – Se deve perdere un mese, meglio perderlo adesso per poi rientrare con continuità. Io spero di riaverlo a marzo, ma se non dovesse essere così lo riavremo sicuramente per l’Europeo“.

Ecco allora che Zaniolo ha ascoltato, recepito e ricaricato le pile. Come in tutte quelle occasioni in cui ti serve un’iniezione di fiducia per continuare a lavorare. Ed a soffrire. La speranza è che il 2021 inizi davvero in un modo diverso. Per Nicolò deve essere l’anno del riscatto, della rivincita, della voglia di mettersi tutto alle spalle, anche l’immensa sfortuna che lo ha colpito nelle ultime due stagioni. Per la Roma e per la Nazionale, ovviamente.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy