Il 2020 della Roma è un vero incubo da scacciare subito

Il 2020 della Roma è un vero incubo da scacciare subito

Nell’anno solare Fonseca 15° in classifica. Smalling, niente lesione e futuro in vista

di Redazione, @forzaroma

“Bisogna far capire alla squadra che una sconfitta è solo una sconfitta“. Già, in linea di massima è sempre così, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport.

Stavolta, però, la sconfitta di Napoli non è fine a se stessa ma l’ennesima di una lunga serie: la terza consecutiva, esattamente l’ottava dall’inizio del 2020, ben dieci dal via del campionato. Un’infinità per una squadra come la Roma e allora anche la tesi di Paulo Fonseca trova molta meno credibilità.

Una ricetta però esiste ed è esattamente l’opposto della sconfitta e, cioè, la vittoria. Ecco, l’obbligo questa sera per la Roma sarà esattamente questo: battere il Parma e portare a casa tre punti importanti per continuare a tenere saldo il posto per la prossima Europa League.

Il 2020 della Roma è a dir poco imbarazzante: 13 punti in 13 partite, con una classifica nell’anno solare che vede i giallorossi addirittura al quindicesimo posto. Peggio, in buona sostanza, da gennaio a oggi hanno fatto solo 5 squadre: Cagliari, Torino e Lecce con dieci punti, Spal e Brescia con 7. I punti di distanza con la vetta sono ben 20, un’enormità.

“Non abbiamo iniziato bene l’anno, – dice Fonsecapoi abbiamo recuperato con tre vittorie e il passaggio del turno in Europa League. Quindi la ripresa e le gare che abbiamo visto. Qui le sconfitte sono avvertite in modo pesante e la squadra ha difficoltà a recuperare dopo una sconfitta. Ma con il Parma sono sicuro che faremo meglio che con il Napoli“.

Fonseca confermerà la difesa a tre (“Non cambierò molto rispetto al San Paolo“), facendo scivolare Cristante (“Può giocare tra i centrali, lo ha già fatto molto bene in passato“).

Questo, ovviamente, a causa dell’assenza di Smalling (niente lesione per lui) i cui intermediari saranno oggi a Roma per cercare di capire come muoversi per la prossima stagione. La Roma vuole tenerlo, rinnovando il prestito per un altro anno a 3 milioni e poi garantire al Manchester United l’obbligo di acquisto a 14 nel 2021. Vedremo se ci sarà una fumata bianca o meno.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy