Ibanez: cuore, coraggio e una fede immensa. Così Roger non si è arreso

Quando non giocava studiava calcio e molto presto diventerà anche papà

di Redazione, @forzaroma

Quando al 90′ di Roma-Verona è stato protagonista di un contrasto in area con Stepinski, Ibanez ha spaventato tutti ma quello è stato un intervento coraggioso ma anche determinante per portare a casa i tre punti, scrive Chiara Zucchelli su La Gazzetta dello Sport.

L’ex Atalanta quest’anno non veniva mai preso in considerazione nelle rotazioni nel reparto difensivo, ma lui è rimasto in silenzio a lavorare e si è fatto trovare pronto quando Fonseca ha avuto bisogno, tanto che oggi nelle gerarchie ha superato Juan Jesus, Cetin e anche l’esperto Fazio.

Ed  stata una sorpresa, forse anche per Fonseca che pensava che il brasiliano avesse avuto bisogno di più tempo per adattarsi. Tatticamente deve migliorare, ma il tecnico portoghese e il so staff lo seguono da vicino durante le esercitazioni in allenamento. In campo e fuori Ibanez appare più maturo della sua età (è un classe 2000). Appassionato di serie tv, molto religioso e legatissimo alla famiglia, diventerà presto papà.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy