I Friedkin dettano la linea: Fienga e Calvo al lavoro. Per l’area tecnica spunta Tommasi

L’a.d. sul ricorso per il caso Diawara: “Vogliamo un giudizio sereno”

di Redazione, @forzaroma

Ieri Fienga e Calvo hanno esposto le linee guida del presente, ognuno in base alle proprie competenze. Tenendo conto, naturalmente, che all’orizzonte c’è già la Juve. Fienga si è soffermato sul caso di Diawara, su cui il presidente della Corte Federale d’Appello, Piero Sandulli, ieri ha detto: “La Corte si è espressa in modo chiaro in una circostanza che riguardava il Sassuolo. Non è un problema di vantaggio o di altre cose. Del resto le regole e le liste se le sono date le stesse società. Sono loro che le stabiliscono e bisogna che se le ricordino”

Il commento – scrive Massimo Cecchini su “La Gazzetta dello Sport” – non è piaciuto a Fienga. Poi sulla scelta del d.s. per cui di fanno i nomi di Paratici, Pradè, Rangnick, Orta e altri ancora: “È una posizione vacante, che sarà ricoperta da chi consideriamo più competente e allineato con la filosofia del nuovo azionista. Ho sentito il nomedi Paratici e credo sia irrispettoso fare commenti per rispetto nei confronti suoi e della sua società. Paratici è il d.s. di un avversario e tale resta. Anzi, speriamo di batterlo”. Per quanto riguarda l’area tecnica, si fa il nome anche di Tommasi.

Più articolato il discorso di Calvo, pronunciato all’apertura di un nuovo Roma Store. “L’aumento dei ricavi rimane un obiettivo della società. Crediamo nel presente, ma guardando al futuro. Continueremo a investire nel territorio e nella città, senza rinunciare allo sviluppo del brand a livello internazionale”. Lasciata la Nike, la Roma quest’anno non ha lo sponsor tecnico, ma è da tempo in trattativa con altri marchi (Under Armour e Adidas su tutti), ma visto che la pandemia di Covid ha raffreddato i prezzi, non è escluso che anche la prossima stagione possa essere «unbranded» (come successe nel 2013-14) per poi riaverlo quando il mercato risalirà.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy