Gli auguri di Natale tra bimbi, maghi e un intruso…

Gli auguri di Natale tra bimbi, maghi e un intruso…

Ieri giocatori, staff tecnico e famiglie si sono ritrovati con i dirigenti. E Lotito era alla festa accanto della Figc

di Redazione, @forzaroma

Meno scintille, meno gente, ma forse un po’ più voglia di stare insieme rispetto al passato. Ieri la Roma si è ritrovata così al Parco dei Principi, nel cuore dei Parioli, per la classica festa natalizia. Qualche bollicina, un brindisi, nessun discorso di mercato. “Stasera siamo qui solo per farci gli auguri di Natale…”, ha detto Petrachi, il d.s. romanista poco prima di fare il suo ingresso alla serata. Una cena diversa dagli anni passati, se vogliamo più frugale. O anche solo familiare. Ad essere presenti erano infatti solo i giocatori e lo staff tecnico, con le rispettive famiglie. E i dirigenti apicali, ovviamente. Oltre al d.s. Petrachi, il Ceo Fienga, il vicepresidente Baldissoni e poi Zubiria, Calvo e De Sanctis.

E proprio il fatto di aver festeggiato quasi in famiglia – scrive Andrea Pugliese su ‘La Gazzetta dello Sport’ – è una cosa che ha trovato il gradimento di molti giocatori. In realtà un piccolo “intruso” c’è stato, il presidente della Lazio Claudio Lotito, che però era al Parco dei Medici per un’altra festa natalizia, quella organizzata dalla Federcalcio. Niente party giallorosso per lui, la sala dedicata alla Roma era un’altra, dove c’era anche un prestigiatore ad allietare la serata. Con tanto di gong anticipato e la voglia di andare tutti a letto presto. C’erano però ovviamente anche molti bambini (con tanto di kids club), i più piccoli di tutti le figlie di Lorenzo Pellegrini e del vicepresidente Mauro Baldissoni (Aria di sei). Senza famiglia erano invece presenti Javier Pastore (la moglie Chiara e i due figli sono già volati in Argentina e Pau Lopez, la cui moglie Andrea gli ha dato da qualche giorno il piccolo Leo. Poi tutti a casa, con la testa direttamente alla Fiorentina.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy