Giallorossi extralarge. Ecco la cura dimagrante

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) La priorità adesso è rinforzare la difesa, è l’idea comunque di questi giorni di mercato a Trigoria.

Lo pensa il d.s. Sabatini, il d.g. Baldini e anche Zeman, che ieri l’ha confessato a Francesco Totti, nel pranzo vissuto insieme dalle parti dell’Eur. Ma la vera priorità, a vedere la maxi-rosa della Roma, è soprattutto quella di vendere. A Trigoria, tra ritorno dei prestiti, comproprietà, giocatori da riscattare (Marquinho) e già in rosa orbitano esattamente 50 giocatori (senza tenere conto dei due brasiliani già bloccati, Dodò e Leandro Castán del Corinthians). Un’infinità, quasi il doppio di quelli che servono e che partiranno per il ritiro di Riscone di Brunico. (…)

ESUBERI Tra i giocatori di ritorno a Trigoria, ce ne sono anche alcuni pesanti, come ingaggio e considerazione. Tra questi Borriello e Pizarro su tutti, con il primo che potrebbe finire alla Fiorentina di Montella e Pradè ed il secondo che ha già fatto sapere che vuole restare a tutti i costi alla Roma, per poi tornare a Valparaiso, nel suo Cile. Poi ci sono da piazzare anche Julio Sergio, Guberti e Brighi, di ritorno dai prestiti a Lecce, Torino ed Atalanta. Ed una serie di giovani usciti negli anni passati dal settore giovanile e che la Roma ha continuato in questi anni a tenere nella sua orbita.

GIOVANI Tra questi, però, c’è chi in giallorosso ci torna per restare. come Florenzi, su cui Zeman ha posto il veto. La Roma sta trattando con il Crotone (che con 250.000 euro riscatterà la metà), ma i calabresi vogliono un paio di milioni (o, eventualmente, soldi ed un giocatore, magari Pettinari). Tra quelli di ritorno, si giocheranno le proprie carte anche Crescenzi e Bertolacci, mentre per Sini, Antei e Stoian si cercherà una soluzione tra A e B (Antunes è d’accordo con il Paços de Ferreira). Tra i giovani, poi, quelli che faranno il ritiro sono Tallo (richiesto da tanti club di B, ma Sabatini lo vuole valutare fino a metà agosto), Viviani, Verre, Nico Lopez e forse anche Piscitella. Ci sarà invece da sistemare anche D’Alessandro, Scardina, Montini, Frascatore, Mladen e Pena.

COMPROPRIETA‘ Poi c’è la questione delle comproprietà, dove quelle che scottano (oltre Florenzi) sono quelle di Okaka (resterà al Parma), Caprari (possibile resti un altro anno a Pescara) e Borini, su cu ieri l’a.d. del Parma Leonardi ha detto: «Abbiamo un’idea comune con la Roma, con cui abbiamo un ottimo rapporto. L’idea del rinnovo della comproprietà ci può stare, ma non è detto che sia quella». La Roma si aspettava che Borini restasse, entro il 22 giugno si dovrà prendere una decisione.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy