Fonseca vuole tornare Zorro: “Se vinco la Coppa, potrei farlo”

Il tecnico della Roma si travestì così ai tempi dello Shakhtar: “Certi momenti andrebbero celebrati”

di Redazione, @forzaroma

Marco Porzio Catone diceva che “non bisognerebbe tornare dove si è stati felici”. Paulo Fonseca, però, vi è stato costretto da un calendario burlone e, alla vigilia, anestetizza ricordi e timori con grande filosofia: “È speciale tornare qui a Braga. Sono stato qui in un anno molto felice, abbiamo vinto la Coppa. Ho lasciato tanti amici, ed è bello rivedere quelli che hanno lavorato con me“. Ma l’allenatore della Roma sa come l’affetto non macina punti: “Servirà essere al massimo del nostro livello“.

Una malaugurata eliminazione farebbe riascoltare la rumba delle polemiche. L’impressione è che Fonseca, scrive Massimo Cecchini su “La Gazzetta dello Sport“, voglia volare basso: “Non posso promettere di vincere l’Europa League, perché penso sia impossibile con così tante squadra forti. Ovviamente vogliamo arrivare il più lontano possibile. L’anno scorso siamo stati eliminati dal Siviglia, che alla fine ha vinto. Credo che con un anno di lavoro in più saremo più forti e cercheremo di fare meglio, così come in campionato“.

I tifosi giallorossi vorrebbero di più: “La Roma è un club ambizioso e si avvicina sempre di più alla vittoria di titoli, cosa che non ha fatto negli anni. Niente mi soddisferebbe di più che regalarglielo. Tuttavia, dobbiamo restare con i piedi per terra ed essere realistici riguardo alle nostre possibilità”. Proprio per questo, se accadesse, chissà se Fonseca non sorprenderà ancora tutti come quando, allo Shakhtar, si vestì da Zorro dopo essersi qualificato agli ottavi di Champions. “Non ce l’ho in programma né ci penso, ma chi lo sa? Qualcosa può succedere. Penso che a volte i momenti nel calcio debbano essere celebrati in un modo unico. Dipenderà da molte cose, ma può succedere“. Il Braga è avvisato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy