Florenzi, l’ultimo regalo da capitano: plusvalenza garantita al “suo” club

Il Valencia non vuole riscattarlo ma vale 15 milioni e non rientrerà. Sarà cessione definitiva: su di lui Fiorentina, Atalanta e Siviglia

di Redazione, @forzaroma

Dopo averlo ceduto in prestito a gennaio, la Roma sta lavorando per cedere a titolo definitivo Alessandro Florenzi. La notizia – scrive Chiara Zucchelli su ‘La Gazzetta Sportiva’ – è che intorno a lui potrebbe scatenarsi un’asta, soprattutto se dovesse far bene a Valencia da qui ad agosto. Una buona notizia per lui, che avrebbe la possibilità di scegliere la squadra e il campionato a lui più congeniali, un’ottima notizia per la Roma, perché da Florenzi, come prodotto del vivaio, arriverà in ogni caso una plusvalenza secca.

L’ultimo erede diretto della dinastia di capitani romani, arrivato subito dopo Totti e De Rossi, in attesa, chissà di Pellegrini, sta per dire addio alla possibilità di tornare nella capitale al termine di questa stagione. Arrivato al Valencia da cinque mesi, Alessandro non intende rientrare alla base, scoraggiato dalla poca simpatia riscossa in larga parte della tifoseria giallorossa e, soprattutto, consapevole che non sia cambiato nulla nella considerazione di Paulo Fonseca nonostante la reale stima reciproca tra i due a livello umano. Ma il feeling tattico non è mai scattato.

Il terzino destro ha un contratto da 3 milioni fino al 2023, ed ha una valutazione di mercato intorno ai 15 milioni. Per ora non sembra che Florenzi verrà acquistato dal Valencia, con gli spagnoli disposti solamente, nel caso, a rinnovare di un altro anno il prestito. Sia Florenzi sia la Roma vorrebbero definire la cessione al termine di quest’estate. L’agente Lucci ha ricevuto la chiamata di due società italiane: la Fiorentina e l’Atalanta. Pradé lo aveva già cercato a gennaio, sta lavorando da tempo per convincerlo e l’operazione potrebbe rientrare all’interno di uno scambio con Biraghi. Per quanto riguarda l’Atalanta, rumors di mercato raccontano di un possibile scambio con Muriel. Da tenere in considerazione, all’estero, il Siviglia di Monchi, un altro che ha molta stima di Alessandro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy