Florenzi ferma il tempo, ma lancia in alto la Roma

Questa sera il terzino giallorosso sfiderà la squadra che a 20 anni lo ha voluto in Serie B nel 2011-2012

di Redazione, @forzaroma

Se non fosse incrociato il Crotone la sua vita, e la sua carriera, sarebbero state diverse. Aveva 20 anni, Alessandro Florenzi, quando dopo l’esordio in Serie A con Montella in panchina ­e al posto di Totti ­, la Roma gli propose di andare in Calabria a giocare. Florenzi è andato, ha salutato amici, famiglia e fidanzata (oggi moglie e mamma di sua figlia), si è messo in gioco, è stato uno dei migliori del campionato e non solo è tornato da protagonista, ma ha costretto la Roma a spendere un milione per riprenderselo. 

Oggi sfiderà la sua ex squadra per la prima volta, lui che quando il Crotone è stato promosso si era complimentato ­ anche ­ via social. In quella stagione realizzò 11 reti, alcune memorabili, come la rovesciata con l’Albinoleffe, e chissà se mai si sarebbe aspettato di ritrovarsi contro i suoi ex compagni in A e magari, se Tottie De Rossi non giocheranno, affrontandoli anche da capitano. In un’intervista di inizio 2012, si capiva come non osasse sperare tanto: «La mia speranza è tornare a giocare a Roma e indossare la maglia giallorossa ad alti livelli». Ci è riuscito.

(C. Zucchelli)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy