Finalmente Dodò

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport – M.Calabresi) – All’Olimpico sarà sera, a San Paolo pomeriggio. Il posticipo di Roma-Udinese ha risparmiato l’alzataccia a tifosi, dirigenti ed ex compagni del Corinthians, che si fregheranno le mani. Tre difensori del Timao titolari nella Roma (più Piris, che giocava nel San Paolo): Marquinhos, Castan e, ladies&gentlemen, José Rodolfo Pires Ribeiro, per gli amici Dodò. Sì, proprio lui, il potenziale crac del mercato della Roma, ancora per qualche ora oggetto misterioso.[…]

 

Era ora Zeman, l’uomo che più volte lo aveva frenato, stavolta lo lancia: «Ha fatto tutta la settimana di allenamenti, a parte il primo che ha saltato per un po’ d’influenza. Sta nettamente meglio rispetto alla scorsa settimana». Attorno a questo ventenne coi riccioli da bravo ragazzo c’è un’aspettativa enorme: a Trigoria sono rimasti tutti impressionati, dalla corsa, dal modo di stare in campo, dal tiro. Come a dire che l’appellativo con cui Sabatini lo ha portato a Roma («l’erede naturale di Roberto Carlos», come ammesso dallo stesso terzino) non è esagerato. Zeman, durante la settimana, lo ha provato con i titolari, ma ha vagliato tutte le ipotesi alternative, visti anche i guai di Balzaretti e Taddei: poteva fare il terzino Marquinhos (con Burdisso e Castan in mezzo), lo poteva fare Marquinho (che lo ha fatto con Luis Enrique), e paradossalmente anche Castan, che ha esordito in nazionale proprio da esterno sinistro. Invece no: Dodò in campo senza passare dal via, alla prima convocazione.

 

Fine del tunnel Proprio ora che è pronto, viene da pensare a quanto i suoi primi mesi italiani siano stati pieni di contraddizioni: i test fatti con i compagni a Trigoria e il ritiro fatto da solo, i quattro minuti giocati con l’Aris in amichevole prima di fermarsi di nuovo, per altri due mesi. Chi lo ha visto giocare dal vivo si ritenga fortunato: a Zeman, intanto, è bastato un dvd. […]

 
Effetto domino Dodò a sinistra, di fatto, per il momento chiude le porte a Burdisso, così come la scelta di Zeman di insistere su Tachtsidis regista e De Rossi intermedio (più l’esplosione di Florenzi) ha chiuso le porte a Pjanic. «La fase difensiva del bosniaco non è da grande giocatore», ha confermato Zeman, che anche in attacco ha le idee chiarissime. «Il ruolo di esterno destro spetta a Lamela — dice il tecnico —. Destro, in questo momento, può fare il centravanti o l’esterno sinistro». Caselle, al momento, occupate da Totti e Osvaldo. Possibile, comunque, una staffetta con il capitano, visto l’impegno infrasettimanale di Parma e che Totti nei giorni scorsi ha avuto qualche problema. Dodò, invece di problemi ne ha avuti fin troppi: con la difesa tutta paulista, non c’era giorno migliore per togliere il velo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy