Effetto Fonseca: unione, spettacolo e voglia di stupire. È tornata la Roma

Effetto Fonseca: unione, spettacolo e voglia di stupire. È tornata la Roma

Una rivoluzione, innanzitutto culturale, che vede come “front man” il tecnico, ma dietro le quinte c’è il lavoro di tutto un gruppo dirigenziale

di Redazione, @forzaroma

Cento giorni fa, dominava il nero. Francesco Totti diceva addio alla Roma sbattendo la porta e – dopo il divorzio assai poco consensuale con Daniele De Rossi – per la Roma sembrava l’inizio della fine.

Cento giorni dopo, le sensazioni sono totalmente capovolte e il giallorosso pare il più brillante degli ultimi tempi, come riporta Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport.

Una rivoluzione – innanzitutto culturale – che vede come “front man” Paulo Fonseca, ma dietro le quinte il lavoro di tutto un gruppo dirigenziale, che al momento sembra aver fatto tornare il sorriso anche al presidente Pallotta, pronto il prossimo mese a riaffacciarsi nella Capitale dopo un anno e mezzo, visto che domani per il nuovo stadio di Tor di Valle ci sarà un summit in Comune forse decisivo.

A dimostrarlo, in fondo, è anche la cena in un locale del centro che ieri la squadra ha voluto fare, in compagnia di moglie e fidanzate. Un segnale che quel “fare gruppo” di cui si parla sempre, a Trigoria si sta materializzando.

La salita alternata dei terzini, lo spostamento di Pellegrini a trequartista, l’inserimento di Veretout, un miglior posizionamento dei centrocampisti senza palla: questo è altro è uscito fuori dal cilindro dell’allenatore portoghese, oltre al varo di un turnover importante che sta consentendo alla Roma di avere una condizione fisica straordinaria. Una delle parole chiave, ormai, è fiducia. Quella che sentono giovani come Kluivert e Pellegrini, e senatori come Kolarov, sempre più decisivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy