E’ Roma d’Europa. Rimonta il Toro e chiude quinta

Berenguer illude però super Dzeko e Smalling ribaltano il risultato. Poi il bosniaco si procura il rigore del 3-1. Applausi al baby Singo

di Redazione, @forzaroma

Edin Dzeko non delude le attese e trascina la sua Roma ai gironi di Europa League, scrive Nicola Cecere su La Gazzetta dello Sport.

Dzeko superstar ha segnato un gol “storico”, si è procurato il rigore del 3-1 e nel recupero ha visto cancellata la sua doppietta da un fuorigioco millimetrico: per certificarlo sono stati necessari più di due minuti.

Il Toro ha incassato l’ennesima sconfitta del suo tormentato campionato mantenendo però il confronto incerto sino al termine grazie al debutto-boom del giovane Singo: utilizzato per la prima volta dall’inizio ha piazzato a metà ripresa una cavalcata inarrestabile, chiusa con una botta che ha piegato le mani a Pau Lopez. Questo giovane va tenuto d’occhio perché ha straordinarie qualità atletiche: gli serve un anno di maturazione in una serie inferiore dove giochi titolare.

Confronto tutto sommato piacevole sin dall’avvio grazie innanzitutto al trio d’attacco granata, che confeziona un precoce vantaggio. Verdi strappa palla in mezzo e la difende in modo da far proseguire il gioco, il pallone giunge tra i piedi di Zaza che attende il tempo giusto dello scatto tra le linee di Berenguer e lo manda davanti al portiere con precisa verticalizzazione: dribbling in corsa dello spagnolo e conclusione a botta sicura. Nella circostanza la linea difensiva giallorossa si muove male.

Ma la Roma non ha il tempo per dolersi dello smacco perché in due minuti Dzeko rimette il risultato in parità, siglando il suo gol numero 106 (che lo affianca a Volk al quarto posto tra i cannonieri romanisti alltime) a conclusione di un triangolo disegnato da Peres e Cristante, perfettamente rifinito da Mkhitarian e valorizzato dall’appoggio in rete di sinistro del bosniaco. Passano pochi minuti e su calcio d’angolo Smalling piazza uno stacco perentorio col quale supera Meité e anticipa Lyanco. Niente da fare per Ujkani.  Il 3-1 al 60’ è firmato da Diawara su rigore che Dzeko si era procurato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy