E Pallotta fa squadra nella lotta contro il Covid-19

Secondo il Wall Street Journal farebbe parte di una cordata top secret di imprenditori e scienziati impegnati nel trovare una cura al coronavirus

di Redazione, @forzaroma

Da una parte c’è Roma, con la relazione semestrale che sarà pubblicata domani, dopo il rinvio di un mese per l’emergenza coronavirus, ma che non conterrà novità, se non qualche dettaglio, rispetto a quanto emerso già a febbraio, scrive Chiara Zucchelli su La Gazzetta dello Sport.

Dall’altra c’è Boston, ci sono gli Stati Uniti e c’è James Pallotta in prima linea per cercare di trovare una soluzione alla pandemia. Il presidente della Roma ha infatti deciso di aderire ad una cordata di imprenditori e scienziati che, secondo quanto riporta il Wall Street Journal , è al lavoro per trovare una cura contro il Covid-19. Il gruppo è capitanato Tom Cahill, studioso di malattie genetiche che Pallotta conosce da tempo.

Tra gli imprenditori che finanziano l’operazione ci sono il re della tecnologia Peter Thiel, il finanziere Michael Milken, il copresidente di Bain Capital (oltre che proprietario dei Boston Celtics) Steve Pagliuca, e il capo della NBA Adam Silver.

Pallotta, però, si sbilancia quando, per la prima volta in questi mesi così difficili, parla di quanto sia “orgoglioso” del lavoro di Roma Cares : “Non potrei esserlo di più. Molti club dovrebbero utilizzare singolarmente e collettivamente la loro voce per buone cause, perché quando succede i risultati ci sono“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy