Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

E adesso il nuovo Mourinho punta al colpo Roma con Abraham-Zaniolo

Getty Images

Pronto un 3-4-1-2 impostato sugli inglesi: Smalling e Tammy. In panchina c'è Pellegrini

Redazione

La vita conduce stasera Mourinho a rischiare sfidando il proprio passato, a 4293 giorni dall’ultima volta in cui lui, l’Inter e San Siro erano una cosa sola, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport. In quel caso, 9 maggio 2010, finì con una festa collettiva contro il Chievo; stavolta invece solo uno fra Mou e il club nerazzurro potrà parlare di missione compiuta. Adesso José è imperatore a Roma, con il compito di orientare il tifo dei 2000 tifosi giallorossi al Meazza e dimenticare quel 9 maggio. Da quel giorno, sono arrivati per lui 10 titoli in sette anni, poi è cominciata un’astinenza che potrebbe arrivare al quinquennio se, appunto, la Coppa Italia o la Conference League non restituiranno a Mourinho il sapore della vittoria. Il primo ostacolo è oggi, e il tecnico giallorosso lo affronta pensando a due cambi rispetto a sabato contro il Genoa. Dentro Viña al posto Maitland–Niles e Veretout per Cristante, a meno che il sacrificato non sia Mkhitaryan. Il tutto per disegnare un 3-4-1-2 impostato sugli inglesi: Smalling e Abraham. Detto che la Roma ritrova capitan Pellegrini almeno per la panchina, l’asso del portoghese è proprio Abraham, ovvero il più prolifico marcatore inglese stagionale nei cinque maggiori campionati europei in tutte le competizioni. Per l’ex Chelsea sono già 17 le reti segnate, che lo mettono davanti persino a Harry Kane. Morale: la sfida di stasera può essere una investitura per Tammy, che punta al Mondiale. Ma la maggior parte dei riflettori saranno puntati su Zaniolo, che gode della stima di tutti, soprattutto di quel gruppetto di tifosi che hanno esposto striscioni di protesta arbitrale ieri davanti alla Figc.