Dzeko, che fatica. Il mercato, la Bosnia, gli affanni nella Roma: l’obiettivo è rinascere

Sfumata la Juve, fuori con la nazionale, appannato in giallorosso. Edin ha due obiettivi: allungare il contratto e raggiungere Pruzzo

di Redazione, @forzaroma

Edin Dzeko in questo momento vede il presente come un affastellarsi di nubi e retaggi del passato recente, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport.

Quanto basta per zavorrare la sua quotidianità, che si chiama sempre Roma. Stavolta, anche il blitz con la sua nazionale non ha contribuito a rasserenarlo, visto che – perduta ai calci di rigore la partita contro l’Irlanda del Nord – il capitano della Bosnia dice addio al prossimo Europeo, probabilmente l’ultima grande manifestazione che poteva avere nel mirino. D’altronde, a 34 anni, il tempo sembra scorrere più velocemente per tutti i calciatori. Sarà per questo, forse, che l’amarezza bosniaca pare incidersi in modo più profondo nello spirito del centravanti giallorosso, che sta vivendo un inizio di stagione assai complesso.

La qualificazione con la nazionale (in finale avrebbe incontrato la Slovacchia) gli avrebbe senz’altro lucidato l’anima dopo settimane complicate, tra il (desiderato) passaggio – poi sfumato – alla Juventus, la surreale panchina di Verona e le occasioni gol sprecate i proprio contro i bianconeri prima e l’Udinese poi. Invece, per il momento solo un rosario di parziali delusioni, temperate comunque dalla nascita di Dalia, la terza figlia.

Alla Juventus il centravanti – fortemente voluto da Pirlo – avrebbe avuto più certezze di chiudere la carriera con qualche altro trofeo, ma anche alla Roma gli obiettivi non gli mancano. Il primo, strettamente privato, sarà quello di vedere se i Friedkin confermeranno l’ipotesi fattagli balenare durante l’ultimo anno dell’era Pallotta. Ovvero: allungare il contratto, spalmandolo di un anno, fino al 2023, cosa che consentirebbe al club di ammortizzare meglio il suo ingaggio di circa 7,5 milioni e al capitano di chiudere virtualmente la sua carriera in una città che lui e la sua famiglia adorano.

Il secondo traguardo – pur sempre personale – avrebbe invece un enorme impatto nell’universo giallorosso. Dzeko infatti, con i suoi 106 gol, è al quarto posto nella classifica dei cannonieri della storia giallorossa. Gli mancano solo 5 reti per agganciare sul podio una leggenda come Amedeo Amadei a quota 111 reti, per poi andare oltre le colonne d’Ercole e provare ad andare a caccia di mostri sacri come Totti (307) e Pruzzo (138). La cura per la malinconia, per chi ha il suo ruolo, d’altronde, è sempre la stessa: fare gol. E vedrete che ce la farà.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy