Di Francesco: “Roma mia, voglio più fatti. Adesso meno chiacchiere”

Il tecnico giallorosso sulle parole di Strootman: “Per fare questo lavoro ci vuole grande ambizione. E dobbiamo dare continuità agli ultimi tratti di bel gioco”

di Redazione, @forzaroma

Oggi a Udine l’obiettivo sarà quello di portare a tre la serie di successi consecutivi (dopo quelli contro Verona e Benevento) per centrare quell’obiettivo che Strootman ha fissato chiaramente: “Il terzo posto, ma eventualmente va bene anche il quarto che vale la Champions“. E proprio la gara di oggi è quella che anticipa l’ottavo con lo Shakthar. Ed è anche per questo che Di Francesco vuole serenità e ottimismo, scrive Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport“.

Se si vuole fare questo lavoro bisogna avere grande ambizione – dice Di Francesco, riferendosi alle parole dette dallo stesso Strootman A volte a Roma ci perdiamo in chiacchere. Io, invece, preferisco fare più fatti e concentrarmi sul campionato e sulla Champions. Per come si è messo il campionato i punti che abbiamo perso per strada sono stati anche frutto di un pizzico di sfortuna. Ma in certe partite siamo mancati, dovevamo fare di più. Stiamo lavorando per recuperare la strada persa nell’ultimo periodo, di certo anche io mi aspettato un distacco inferiore rispetto a quello attuale“. Di Francesco ha recuperato molti degli effettivi, ad iniziare da De Rossi e Schick. “Quando si rientra è più facile ragionare sulle due partite che sulle tre. La possibilità che De Rossi giochi oggi e contro lo Shakthar c’è. Schick, invece, si è finalmente allenato bene e con continuità. Lo vedo in crescita, sia fisicamente che psicologicamente“.

E proprio Schick potrà essere da oggi in poi una valida alternativa a Dzeko, esattamente come oggi Juan Jesus farà riposare Kolarov. “È una possibilità, o lì o da centrale difensivo“, continua Di Francesco. Che poi conferma come la virata verso il 4-2-3-1 gli sia piaciuta eccome: “Farò meno cambi possibile, giocando con questo nuovo modulo la Roma si è arricchita, i ragazzi ora hanno un sistema in più in testa. Lo hanno assimilato bene, può essere un valore aggiunto. Adesso dobbiamo trovare continuità nel bel gioco, che a tratti si è visto con il Benevento e nel primo tempo di Verona“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy