De Rossi, tutto in 48 ore. Lo stadio contro Mancini

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – A.Catapano) Il messaggio sarà arrivato Oltremanica? Aspettando l’offerta monstre del Manchester City, lo stadio Olimpico mette le mani avanti: «De Rossi non si tocca», scrive la curva Sud. E il messaggio ha un unico destinatario: Roberto Mancini, convitato di pietra della serata, suo malgrado al centro dei pensieri dei romanisti, si becca l’inevitabile dose di sfottò. I romanisti che ieri hanno riempito l’Olimpico non fanno trasparire il minimo dubbio: De Rossi resterà alla Roma.

E la convinzione della gente aumenta quando lo speaker dello stadio attacca la presentazione del centrocampista azzurro, al primo appuntamento stagionale con i suoi tifosi. Ascoltandolo, si ha l’impressione che stia leggendo una velina della società, passata appositamente per placare l’ansia dei tifosi. «Lo hanno cercato in tutto il mondo, ma lui ha detto sì alla Roma, e ha detto “per sempre”. E sarà così, nel presente e nel futuro». È anche la convinzione della dirigenza romanista? A quel punto, sulle note di Born to Run di

 

SPRINGSTEEN De Rossi esce dal boccaporto sotto la Sud e la curva esplode. I decibel raggiunti dall’ovazione per il centrocampista saranno eguagliati, qualche minuto dopo, solo dall’accoglienza a Zeman. Chiaro il messaggio, no?
Quanti pensieri Meno chiaro cosa frulli nella testa di De Rossi. La sua faccia non lascia trasparire nulla. La sua partita dura un’ora. Poi, neanche mezza parola, ma chissà che emozioni dentro. Parlerà domani, in conferenza stampa. Daniele è innamorato della Roma, certo. E trasferirsi nella desolante Manchester non è che lo alletti tanto. Questo alla fine potrebbe pesare parecchio. Ma è pure lusingato dalle attenzioni di Mancini e convinto dalla proposta economica del City: come si fa a restare indifferenti davanti a nove milioni netti a stagione?

 
TEGOLA Sotto l’aspetto economico, la trattativa ieri non ha fatto passi avanti. La palla è rimasta tra i piedi degli sceicchi, si attende che la lancino in Italia. Quando lo faranno? In teoria, da oggi ogni momento è buono. In pratica, l’infortunio subito ieri da Aguero può ribaltare le priorità di Mancini: prima l’attaccante, poi il centrocampista. Ieri il tecnico del City ha detto di voler aspettare le prossime ore, quando una risonanza chiarirà se l’argentino ha subito un infortunio serio. Solo in quel caso, Jovetic potrebbe diventare più urgente di De Rossi. Anche se, visto sul campo ieri, il City avrebbe proprio bisogno di una diga davanti alla difesa. E infatti Mancini ha fatto intendere che in ogni caso la pista De Rossi non sarà mollata.

 

SE LO DICE LUI… E la Roma? La sensazione è che comunque potrebbe chiudere il mercato con una cessione pesante. Nell’attesa, su De Rossi affida la sua linea allo speaker e manda avanti Zeman. «È vero — ammette il boemo — ho chiamato Mancini, l’ho sentito l’anno scorso e tre settimane fa, ma gli ho chiesto anche che fine faranno alcuni suoi giocatori. Sono convinto che De Rossi resterà con noi, è un giocatore importante, la società non mi ha mai chiesto se ne ho bisogno. Lo sa già e non me lo chiede». È ancora poco per chiudere la telenovela. Oggi e domani le prossime puntate. Decisive.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy