Dagli errori al triangolo: la difesa soffre

Dagli errori al triangolo: la difesa soffre

Solo in 8 partite delle 34 disputate la retroguardia non ha subito gol

di Redazione, @forzaroma

La battuta fatta da Eusebio Di Francesco nel post-partita di Frosinone non era male. “Il fatto di non riuscire a far rimanere la porta inviolata è un bel cruccio che mi porto dietro. Lo scorso anno siamo stati la seconda miglior difesa del campionato, mentre in questa stagione segniamo di più. Forse sono diventato più zemaniano“, e ha sorriso, ricordano il suo maestro.

Come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport” la Roma finora non ha subito gol soltanto in 8 partite sulle 34 disputate: 5 su 25 in campionato, 2 su 7 in Champions League, 1 su 2 in Coppa Italia. Olsen o Mirante, perciò, sono stati battuti 33 volte in campionato, 9 in Europa e 7 in Coppa Italia (tutti nella disfatta contro la Fiorentina). Non basta. Negli ultimi 8 match la Roma ha subito reti in 7 occasioni (per un totale di 17), ottenendo un “clean sheet” soltanto nella partita contro il fanalino di coda Chievo (0-3) dell’8 febbraio scorso. L’allenatore abruzzese, però, sa bene come il problema non sia addebitabile solo ai difensori, che pure qualche sbavatura l’hanno concessa. Non è un caso che, anche per dare maggiore copertura alla retroguardia, la Roma sia passata dal 4-3-3 al 4-2-3-1, quindi con una doppia cerniera sui sedici metri. Non è un caso che sia stato riproposto sia nel sofferente finale contro il Bologna che in partenza contro il Frosinone, quando Di Francesco temeva una partita difficile soprattutto dal punto di vista della corsa. E allora, in attesa che gli acciacchi finiscano, è assai probabile che anche in una stessa partita i due sistemi di gioco tornino ad affacciarsi. Perché tornare zemaniani in questa fase della stagione potrebbe essere pericoloso.

(M. Cecchini)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy