Da Siviglia a Siviglia, Dzeko per la Roma e per la storia

Nel 2015 Edin segnò i primi gol proprio agli spagnoli. “Ora punto alla Coppa”

di Redazione, @forzaroma

Era il 14 agosto 2015 e i giallorossi, lucidando l’esordiente Edin Dzeko nel nostro calcio, schiantavano il Siviglia in amichevole per 6-4, con una gran doppietta del centravanti bosniaco.

Da quel giorno sogni e bisogni hanno cambiato registro, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport, la Roma ha vissuto altimetrie di risultati come in un tappone dolomitico del Giro d’Italia, i sospirati trofei non sono arrivati e, addirittura, il presidente James Pallotta sembra ai titoli di coda.

Toccherà al Siviglia vagliare le ambizioni di un gruppo che, adesso molto più che allora, ha in Dzeko il vero leader.

In questi cinque anni, infatti, l’attaccante di Sarajevo non si è limitato a fare il cannoniere. Pur mostrando un carattere che, a volte, si è mostrato non in perfetta sintonia con gli umori del tifo e di «desiderata» di tutti gli allenatori che ha avuto, Dzeko è entrato a far parte della storia del club. E non è ancora finita. I 106 gol realizzati fino a questo momento, che lo hanno collocato al quarto posto tra i cannonieri giallorossi a fianco di Volk, paiono solo un trampolino verso il traguardo successivo: agganciare il podio dei bomber, dove al terzo posto, al momento, è assiso Amedeo Amadei a quota 111 reti. Davanti, poi, avrà solo le stelle più lucenti, cioè Roberto Pruzzo (138) e Francesco Totti (307).

Dzeko è un giocatore speciale – ha spiegato in una intervista alla Uefa Paulo Fonseca, che stravede per lui, ed è stato fondamentale lo scorso anno nel convincerlo a rimanere in giallorosso quando l’Inter bussava alla porta del bosniaco -. Ha segnato 16 gol senza tirare dal dischetto. Ci sono altri giocatori in Italia che hanno fatto molti altri gol, ma calciando rigori”.

Per questo il matrimonio con la maglia giallorossa sembra destinato a continuare. La dirigenza, infatti, ha intenzione di prolungare il contratto del centravanti fino al 2023, spalmando un ingaggio che è al momento il più alto di tutta la squadra, visto che con i bonus arriva a oltre 7 milioni netti.

Ma agli onori sono associati anche oneri. Così oggi, quando la Roma partirà alla volta della Germania, in attesa della sfida di domani contro il Siviglia, è su Dzeko che si appunteranno le maggiori attenzioni da parte dei rivali e le maggiori speranze da parte dei tifosi romanisti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy