Generazione di fenomeni. Da Pellegrini a Werner: le big d’Europa hanno fame di novità

Generazione di fenomeni. Da Pellegrini a Werner: le big d’Europa hanno fame di novità

Il centrocampista della Roma piace alla Juve e all’Inter che è anche sulle tracce di Barella. Il Milan sogna il tedesco che però è nel mirino di Real, Bayern e Liverpool

di Redazione, @forzaroma

Federico Chiesa rappresenta la più grande speranza del calcio italiano del prossimo futuro, ma non è l’unico gioiello della generazione dei calciatori nati tra il 1996 e il 1998 ad attirare l’attenzione dei più grandi club europei, scrivono Schira e Pessina su “La Gazzetta dello Sport“. In Serie A e in Nazionale fa compagnia a Chiesa il centrocampista della Roma Lorenzo Pellegrini. Mancini punta su di lui per il nuovo corso azzurro e i giallorossi vorrebbero trattenerlo nella capitale per continuare l’esplosione alla corte di Di Francesco. Sullo sfondo, però, aleggia la clausola rescissoria da 30 milioni valida fino al 31 luglio, che resterà tale anche nelle prossime sessioni di mercato, visto che l’ex Sassuolo non rinnoverà e rappresenta un’occasione da non perdere per diversi club tra Italia e Inghilterra. La Juve ha messo da tempo gli occhi su Pellegrini, ma prima di accelerare dovrà fare spazio in mezzo al campo con qualche cessione e pure l’Inter monitora da vicino la situazione del classe 1996, gradito a Spalletti e compagno di altri obiettivi nerazzurri come l’olandese Strootman e il belga Nainggolan. L’arrivo di Emery sulla panchina dell’Arsenal porterà a un’evoluzione nel gioco dei Gunners e da Londra hanno già sondato il terreno per Pellegrini, che piace pure al Chelsea (soprattutto in caso di arrivo di Sarri come nuovo tecnico).

Un anno più giovane del romanista è Nicolò Barella. L’Inter è da tempo sulle sue tracce, ma serviranno contropartite gradite ai sardi per far scendere la richiesta cash. La stessa Roma si è messa in fila per Barella, per essere pronta nel caso in cui qualcuno portasse via dall’Olimpico Pellegrini, pagando la clausola. Timo Werner è il nome che fa sognare il Milan. Si tratta però di un obiettivo proibitivo, che Mirabelli potrà approfondire solo se il Milan giocherà la prossima Europa League. Il costo del cartellino, sui 70 milioni, fa tremare i potenziali acquirenti, rossoneri in primis. Per di più l’affare si complica vista la concorrenza di autentici giganti come Real Madrid, Bayern Monaco e Liverpool.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy