Corsa, “garra” e assist, Roma: ora gustati Silva

La grinta e la personalità non gli mancano. Reduce da un infortunio che lo tiene fuori da novembre, ora vuole convincere i giallorossi

di Redazione, @forzaroma

Una cosa è certa, la grinta e la personalità non gli mancano. Anzi, forse è proprio su questo che dovrà lavorare Di Francesco, nel frenare un’esuberanza a tratti eccessiva. Di certo c’è che se dovesse andar bene, il terzi­no argentino Jonathan Silva (23 anni) sarà il primo rinforzo della prima Roma al 100% monchiana. Nel frattempo, però, c’è una Champions da giocare (quella con lo Shakthar) e una da raggiungere (il 4° posto).
Alla fine, dunque, il terzi­no è arrivato. E, come riporta l’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, co­me il suo predecessore, Silva è uno che ha facilità di corsa, propensione ad andare e ad at­taccare gli spazi. E forse non è un caso che abbia preso la ma­glia 33, proprio quella lasciata libera da Emerson. Terzino più offensivo che difensivo, è cre­sciuto nell’Estudiantes e ha fat­to il suo esordio in prima squa­dra nel Clausura del 2012. L’anno dopo, poi, è passato allo Sporting Lisbona, che lo ha blindato con una clau­sola rescissoria da 45 milioni. Clausola che sembrava giusta nella sua prima stagione, quan­do ha fatto molto bene (si ricor­da il gol al Chelsea, in Cham­pions). Poi, però, il rendimento è andato calando, tanto da es­sere spedito in prestito al Boca Juniors. E qui si è reso protago­nista di due episodi particolari: un fallo da killer (nel Superclasico contro il River) su Gabriel Mercado, con conseguente lesione della caviglia destra dell’avversario; e poi la rissa – da pugilato – in allenamento con Insaurralde, al Boca, che gli è costato la me­tà dello stipendio dello scorso febbraio come multa. Era un periodo difficile, però, poco più di un mese prima Silva aveva perso il giovane cugino Pablo Martin, suicidatosi.
A giugno, poi, Silva ha fatto ritorno allo Spor­ting, dove ha giocato fi­no a novembre, prima di infortunasi al legamento col­ laterale mediale del ginocchio destro. Tornato ad allenarsi da poco, ci vorrà un po’ per rive­derlo in campo. Cosa che mette a rischio il suo riscatto. Alla fine del campionato mancano 16 partite, per essere riscattato Silva ne dovrebbe giocare dieci. Difficile pensare ci riesca. Ma se andrà bene, chissà che la Roma non decida di tenerlo lo stesso.

(A. Pugliese)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy