La Clerici torna con la ‘Prova del cuoco’: “Totti è come una crostata”

” Sono all’antica, del Capitano della Roma apprezzo molto la sua fedeltà alla squadra”.

di finconsadmin

Calcio e cucina, le sue passioni. L’altra sera Antonella Clerici presentava la partita per la pace, da domani tornerà su Rai 1 con due appuntamenti: prima la «Prova del cuoco», poi «Dolci dopo il Tiggì», una gara a chi fa il dolce più buono con ospiti. E la bionda Antonella chiama subito i calciatori. «Mi piacerebbe avere Pirlo in studio — attacca —, per me è il più affascinante. Bello, interessante, un po’ ombroso. Se fosse un dolce? Elegante come un montblanc».

 
E poi?
«Be’, adoro Cassano, era venuto anche al Festival. Di certo mi farebbe ridere, è un godurioso nel cuore, come un profiterol o un bombolone, uno che prima o poi scoppia».

 
Terza chiamata per…
«Buffon, un dolce dell’amore pieno di crema chantilly, un Saint Honoré gigante, da matrimonio».

 
Che effetto le ha fatto ritrovare, tra gli altri, Baggio e Del Piero alla partita della pace?
«Un bel tuffo nel passato. Ho cominciato con Dribbling , devo tutto al pallone. Baggio non lo vedevo da vent’anni e gli ho chiesto come stanno i bambini… ma sono un po’ cresciuti».

 

Totti?
«L’ho intervistato quando aveva 17 anni. Sono all’antica, apprezzo molto la sua fedeltà alla squadra. È solido come una grande crostata».

 

Con chi uscirebbe a cena?
«Con Vialli e Mancini per ricordare i bei tempi. E tra gli allenatori Mourinho, è il più figo di tutti».

 

Pippo Inzaghi?
«Un uomo di stile, non lo vedo in trattoria. È come un cupcake, da ristorante stellato».

 

Lei è interista.
«Sì, ma blanda. Mi piace il calcio in generale. L’Inter è come una torta a scale, c’è sempre un ostacolo da superare».

 

Come ha vissuto la polemica tra Paola Ferrari e Sabrina Gandolfi per la Domenica Sportiva?
«Ehhh, mi tiro fuori, sono cose loro. Dico che la mia preferita è Ilaria D’Amico per l’aplomb e la professionalità, anche se mi è sembrato troppo il “lei” mentre intervistava Buffon. Sono felice per loro, si vede che è una storia d’amore vera».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy