Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Chance Veretout: contro Brozo la prova più dura

Getty Images

Out Cristante, Jordan dovrà dare copertura alla difesa, pressare, raddoppiare e strappare qualche buon pallone per rilanciare l’azione

Redazione

Nella marcia per lo scudetto, la notizia migliore è poter contare sul maratoneta del campionato, pronto a tirare il gruppo fino al traguardo, come riporta La Gazzetta dello Sport. Marcelo Brozovic non conosce le mezze misure e adesso che si è messo anche a fare gol, l’Inter si sente ancor più giustificata a fare la voce grossa. Il futuro è nelle mani della squadra di Inzaghi e molto passa attraverso i piedi di Brozo l’equilibratore, l’unico in grado di dettare i tempi di gioco alla squadra, sia quando si tratta di costruire sia quando bisogna soffrire e pressare. E al centro che si deciderà la sfida: Mou ha perso prima Zaniolo per squalifica (che avrebbe potuto dare fastidio alla costruzione del croato) e poi Cristante (lombalgia), che per la Roma ha un valore simile a Brozo, non fosse altro che per l’unicità delle caratteristiche, fisiche e tecniche. Toccherà allora a Veretout il delicato compito di limitare le iniziative di Brozo. E in una notte così speciale, le sorprese sono dietro l’angolo.  Che poi in fondo Marcelo e Jordan hanno un passato simile, da mezzala di inserimento, da faticatori della mediana. Brozo però è diventato insostituibile quando Spalletti cercava un regista per la sua mediana: con Conte e Inzaghi le cose non sono cambiate e la storia è sempre la stessa. Esiste un’Inter con Brozo e una senza, stasera si vedrà la prima versione, quella che da inizio aprile ha ricominciato a macinare gioco e a metter all’angolo l’avversario. Occhio però all’orgoglio della Roma e alla nuova anima battagliera. Il ripescato Veretout può essere il jolly a sorpresa che sposta l’equilibrio, anche perché oggi la Roma cercherà di far male all’Inter soprattutto grazie alla fase di transizione e in questo il francese è il miglior interprete a disposizione di Mourinho. Si tratta di dare copertura alla difesa, di pressare, raddoppiare e strappare qualche buon pallone per rilanciare l’azione. Oggi l’occasione della rivincita.