Cambia il fuorigioco. Nuova regola: difensori nei guai

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – F. Ceniti) – Chiamiamola evoluzione del fuorigioco. Cambia ancora la regola più decisiva del calcio, quella che può strozzare in gola l’urlo di un gol oppure dare il via alle esultanze più sfrenate. Un gesto conosciuto da tutti gli sportivi fa e farà la differenza: bandierina alzata, bandierina abbassata. Questo piccolo segnale compiuto dagli assistenti può decidere le sorti di una gara, a volte di un campionato. Insomma, è un materiale da maneggiare con cura, ma questa attenzione non sembra corrispondere alla filosofia della Fifa, negli ultimi anni alla ricerca spasmodica di situazioni tese a favorire risultati rotondi. Lo spettacolo, per Blatter, sponsor e compagnia, si misura in reti segnate. E siccome il potere di cambiare le regole spetta a un organismo (Ifab) formato dalle 4 federazioni britanniche e da 4 rappresentanti della Fifa, ecco spiegato perché alcune modifiche apportate negli ultimi anni resistono nonostante l’opposizione degli addetti ai lavori, compresi gli arbitri.

 

Un esempio? La cosiddetta tripla sanzione: rigore, più espulsione per aver negato una chiara occasione da gol, più squalifica automatica nella gara successiva. Regola penalizzante specie per i portieri che l’Ifab, seppur sollecitata da molte Federazioni compresa l’Italia, si è rifiutata di mettere in discussione. Ma torniamo al fuorigioco: dal primo luglio è in vigore la circolare uno. […]

 

Gli assistenti dovranno avere sangue freddo e in alcuni casi fare una doppia valutazione. Fino al 30 giugno un’azione era fermata quando un passaggio era chiaramente diretto verso un giocatore in fuorigioco: l’intervento voluto e magari maldestro di un difensore non sanava l’irregolarità di partenza. Il trarre vantaggio era condizione sufficiente per far alzare la bandierina. Adesso non è più così: l’intervento volontario di un calciatore diventa un «tana libera tutti». Ci sono delle limitazioni: per considerare la posizione «passiva» (e quindi buona) non devono esserci interferenze. Che cosa vuol dire? Se l’attaccante prova a intervenire sul pallone — basta solo il movimento — il fuorigioco diventa attivo (e quindi da punire). Ma anche se l’attaccante resta immobile può essere punito: se si trova a una distanza considerata di gioco (più o meno fino a un metro e mezzo, ci vorrà buon senso da parte di tutti perché nessuno potrà misurare questo spazio in tempo reale), il fuorigioco deve essere segnalato.[…]

 

Restano immutate altre situazioni. Sarà sempre fuorigioco se un giocatore copre la visuale del portiere. E ancora, proprio le respinte del portiere non possono essere riprese da un attaccante in offside (altrimenti la bandierina va su) e la stessa cosa accade su un intervento del difensore mirato a evitare un gol. Non sono considerate giocate, infine, le opposizioni e le successive carambole (su tiri in porta o palloni che sbattono addosso a un difensore ignaro). L’intervento deve essere volontario. Se non lo è resta il fuorigioco. Almeno fino alla prossima circolare dell’Ifab…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy