Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Boniek sicuro: “Mkhitaryan il più completo, Dybala il top”

Boniek sicuro: “Mkhitaryan il più completo, Dybala il top”

Il doppio ex dice: "Sarà una partita aperta, non vedo un favorito netto"

Redazione

Tre anni da giocatore nella Juventus, altrettanti nella Roma. Vittorie su entrambi i fronti, anche se quelle bianconere furono maggiori e più importanti. Il cuore, però, da sempre pende di più dalla parte romanista. Zibì Boniek oggi si vedrà Roma-Juventus con il solito piacere, a metà tra l’addetto ai lavori e il tifoso. Boniek, che partita si aspetta all’Olimpico?"Mah, intanto bisognerà capire se il Covid farà qualche ulteriore scherzetto in extremis, oramai fino al fischio iniziale non si sa mai cosa potrà succedere. In caso contrario sarà una partita aperta, non vedo un favorito netto. La Roma ha i suoi problemi, è vero, ma anche la Juventus fatica ad imporre il proprio gioco. Ha la qualità per far male a chiunque, ma non vedo le certezze del passato" dice Boniek intervistato da Andrea Pugliese su La Gazzetta dello SportMourinho e Allegri inseguono l rivali. Deluso dal loro rendimento a questo punto della stagione?"Sento dire che hanno bisogno di tempo, ma il tempo c’è sempre per tutti gli allenatori: a volte piove, a volte spunta il sole... Sono due allenatori bravi, ma non giocano e non segnano loro. Non ho mai visto un bravo allenatore senza grandi giocatori, mentre ho visto il contrario: un gruppo di grandi giocatori senza un bravo allenatore. Nel calcio oggi c’è la tendenza ad esasperare il ruolo del tecnico. Ma oggi un allenatore guarda, organizza. Allenano gli altri, quelli dello staff. Raramente vedo un allenatore vincere le partite, spesso invece gliele vedo perdere".  Chi sono i giocatori che all’Olimpico possono spostare l’ago della bilancia? "Nella Roma sicuramente Pellegrini e Zaniolo, che sono i due giocatori più forti dei giallorossi, anche se per me quello più completo in assoluto è Mkhitaryan. Tra i bianconeri, invece, Chiesa è uno che non puoi mai perdere di vista, non puoi mai lasciarlo solo, se ti va via diventa devastante. E poi Dybala, uno che se scende in campo può far gol sempre".