Asl-Nazionali, è caos: stop a Roma, Lazio e Fiorentina. Marotta: “Serie A falsata”

Bloccate per le norme anti-Covid le partenze dei convocati dei tre club. Non quelle dell’Inter. L’ira dell’a.d.: “Iniquo, allora boicottiamo le gare”

di Redazione, @forzaroma

Qualcuno parte, qualcuno no, qualcuno attende. La difformità da un’Asl all’altra lungo l’Italia ha fatto saltare il tappo diplomatico del calcio italiano. Di fronte al trattamento diverso da un luogo a un altro sulla gestione dei convocati per le nazionali ha fatto esplodere l’Inter, scrivono Matteo Brega e Davide Stoppini su “La Gazzetta dello Sport”.

Furioso come poche altre volte. L’a.d. dell’Inter Beppe Marotta non ci sta, la differenza di valutazione delle singole Asl non viene accettata dal club nerazzurro. “Questa situazione è iniqua – ha detto -, siamo rammaricati: invochiamo l’intervento del ministero dello sport. Così i campionati vengono alterati”. L’Inter ha infatti visto partire i suoi nazionali diretti all’estero, la stragrande maggioranza già ieri sera dopo la partita di Bergamo. “Ma è assurdo che le Asl si comportino in modo diverso da Roma 1 o Roma 2, o da Milano a Firenze – ha aggiunto Marotta -. C’è la zona d’ombra nella mancanza di centralità di questa gestione. In questo modo ogni Asl diventa centrale nella gestione dei club”.

Da Firenze è partito tutto, con lo stop dell’Asl locale ai convocati della Viola. L’unico positivo è Callejon, eppure tutti i giocatori chiamati dalle rispettive nazionali resteranno a Firenze. Così come quelli di Lazio e Roma che hanno tre e due positivi.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dino.desposit_1893880 - 5 mesi fa

    Mi sembra addirittura impossibile pensare che in questo paese non si riesca a fare qualcosa di serio almeno una volta ed almeno in un settore. Raccogliamo veramente solo ciò che ci meritiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy