Ancora accoltellamenti a Roma. Caro Sindaco: vietato stupirsi

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – R.Palombo) Dice ?l sindaco Alemanno di ?essere sconcertato per quello che ? avvenuto? e che ?sembra quasi ci sia una maledizione?. Eppure non si ? trattato di una di quelle nevicate che mettono in ginocchio Roma perch? accadono una volta ogni vent’anni. ? stata piuttosto una normale serata di ordinaria follia, di quelle cui il calcio capitolino, o meglio ci? che vi ruota intorno, ci ha abituato da una vita. Se fa sorridere, ma pu? capitare, che venti centimetri provochino la paralisi di una citt? impreparata a quasi tutto, non fa ridere la constatazione che a forza di accoltellamenti siamo arrivati a poco meno di una settantina solo negli ultimi sei anni. Sempre la stessa storia, rispetto alla quale, caro Sindaco, una sola cosa ? certa: ? vietato stupirsi.

 

 

L’assuefazione a questo fenomeno tipicamente romano, che ultimamente ha registrato qualche pessimo segnale d’emulazione nella citt? di Napoli, ? tale per cui le coltellate hanno cambiato nome, e sono diventate ?puncicate?. Un termine gergale e quasi affettuoso, perch? la coltellata fa un brutto effetto, ma che cosa vuoi che sia una puncicata. Un gluteo, una coscia in cui affondare ? a condizione di non sbagliare mira e andare a pizzicare l’arteria femorale, cosa che anni addietro nei dintorni dell’Olimpico mand? quasi al creatore un tifoso della Juventus ? ? facile immaginare che per certi menti deboli questo sia diventato una specie di concorso a premi. Quasi che collezionare puncicate sia motivo di orgoglio. Alemanno dice che Roma e Lazio ?devono fare una riflessione pi? profonda…per avere un rapporto positivo e costruttivo con il tifo?. Noi crediamo che si, la Roma far? bene a domandarsi se assecondare la curva ?contro? la tessera del tifoso sia stata una buona idea, e la Lazio potr? chiedersi se al di l? delle iniziali prese di distanza di Lotito da certa teppaglia, sia stato fatto davvero abbastanza per rendere diversa una curva troppe volte colpevole in Italia e in Europa.

 

Ma crediamo soprattutto che i Daspo allontanano per un po’ (sempre meno, per la verit?) dallo stadio, ma non dalle piazze e dalle strade dove si consumano questi misfatti. E che quelle poche centinaia di individui capaci di mettere a ferro e fuoco interi quartieri hanno, nella larghissima maggioranza e in particolare a Roma, un nome, un cognome, un indirizzo e magari pure un numero di telefono. Alemanno, o quantomeno chi per lui governa l’ordine pubblico nella Capitale, questa cosa la sa benissimo. E sa anche, o almeno dovrebbe sapere, che la misura ? colma. ? ora di porvi rimedio. Altrimenti alla prossima puncicata andata a male, a Roma ci scappa il morto.

10-0

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy