Altre verifiche sullo Stadio: rischio rinvio, rabbia del Club

Altre verifiche sullo Stadio: rischio rinvio, rabbia del Club

La Raggi mette Tor di Valle nella “due diligence”. Il governo preme per la variante. Attesa a Trigoria

di Redazione, @forzaroma

Due diligence sì o no? O meglio: l’attività di verifica e di approfondimento disposta dalla sindaca Virginia Raggi dopo la vicenda che ha portato all’arresto di Marcello De Vito, comprende anche il progetto del nuovo stadio della Roma? È una domanda che preoccupa anche il club giallorosso, che teme un allungamento ulteriore dei tempi, scrive Valerio Piccioni su La Gazzetta dello Sport.

Anche perché la società di Pallotta si aspettava l’approvazione della variante urbanistica già per il mese di aprile, un via libera che addirittura potrebbe slittare di diverse settimane.

Domenica da Giletti a “Non è l’arena”, la Raggi ha inserito nella due diligence anche lo stadio. “Io non posso sottoporre l’amministrazione capitolina a un danno erariale”. Nella polemica con il suo ex assessore all’urbanistica Paolo Berdini (querelato dal suo successore Luca Montuori), la Sindaca ha poi puntualizzato: “È stato lui ad attivare il processo, non richiesto da nessuno, della conferenza dei servizi. Se lui non l’avesse fatto noi non saremmo stati qui a parlare”. Una frase che si presta a diverse interpretazioni e che non deve aver fatto la gioia della Roma. Che ritiene lo stadio un “diritto” e non “un’aspettativa”. Stadio su cui si era esposto il premier Conte proprio alla festa della Roma. E il Governo non avrebbe cambiato idea. Cioè: bisogna andare avanti.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy