Alisson e quel Brasile da parare per la Roma

Serve non subire gol: fuori casa in Champions non succede dal 2007. Da ragazzo giocava davanti alla difesa, ora sfida gli amici dello Shakhtar

di Redazione, @forzaroma

Sarebbe davvero difficile confondere i 28 gradi di massima di questi giorni a Porto Alegre con la fitta nevicata che ha accolto la Roma ieri sera all’arrivo a Kharkiv. Sarebbe difficile se non fosse per il terreno di gioco dello stadio: sarà riscaldato, dunque niente rischio ghiaccio. Alisson o goleiro ritroverà un po’ di amici, scrive Davide Stoppini su “La Gazzetta dello Sport“. Vai a fidarti di gente come Taison, che ammirava in prima squadra mentre lui cresceva nelle giovanili dell’Internacional. Oppure di Alan Patrick, con cui ha condiviso gli anni 2013 e 2014. E poi Fred, che dello Shakhtar è la mente: lui e Alisson hanno cinque mesi di differenza di età, nell’Internacional erano due delle stelle del settore giovanile.

Alisson e i suoi connazionali (sei in totale) è il motivo nei motivi di Shakhtar-Roma, Champions con vista sul Mondiale che verrà. Champions che per la Roma vale un pozzo d’oro: un passaggio del turno, per dirne una, potrebbe aumentare la capacità di manovra della società proprio intorno ad Alisson e al prevedibile assalto dei top club d’Europa la prossima estate. Alisson è una cassaforte sicura, da aprire preferibilmente il più tardi possibile. E che intanto s’è messo in testa di aiutare la Roma a risolvere un problemino tecnico che dura da 11 anni. Sei marzo 2007, Lione-Roma 0-2: anche quelli erano ottavi di Champions. Ma è soprattutto l’ultima trasferta europea della massima competizione in cui la Roma è riuscita a tornare a casa senza aver subito neppure un gol. Ora la rincorsa al 15° clean sheet stagionale, e pure una piccola rivincita, perché Alisson contro lo Shakhtar ha già giocato: 23 gennaio 2015, amichevole poco amichevole (3 espulsi e 5 ammoniti) a Porto Alegre, l’Internacional vide vincere gli ucraini 2-1. Non subire domani sarebbe un’impresa, contro una squadra che in casa ha vinto 11 delle ultime 13 partite, le ultime quattro di fila. Vorrebbe dire far meglio di un compagno di nazionale, anzi batterlo un’altra volta. Già, perché Ederson del Manchester City a dicembre mise insieme due gol incassati e qualche intervento un po’ così. Non è per quello che non è un più un rivale per la porta della Seleçao. Alisson ha messo già la freccia, merito del suo eccezionale rendimento. Con le mani e con i piedi. I suoi rilanci precisi non sono casuali. Da ragazzo cominciò da volante, davanti alla difesa, ruolo che in Brasile ti appiccicano addosso solo se il pallone sai trattarlo bene. Lo spostarono in porta più avanti, per necessità e per la sua altezza. E così la Roma oggi si ritrova tra i pali un brasiliano tanto portiere, un bel po’ difensore e pure un filo centrocampista.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy