A San Siro la partita della verità

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport – B.Tucci) – La potremmo definire la partita della verità.

Non per il Milan che vola verso lo scudetto e ha già dimostrato le sue qualità. Ma per i «pischelli» di Luis Enrique, che finora sono andati avanti a corrente alternata. Questa è la Roma dello spagnolo: un po’ su e un po’ giù per la disperazione dei tifosi, i quali speravano che «il progetto» potesse dare subito buoni risultati. Invece si soffre. Il traguardo, oggi, è quello della Champions. O si arriva terzi o si è fuori dal grande giro europeo. La speranza è l’ultima a morire: ecco perché oggi a San Siro si gioca un match che può significare molto per la Roma. Passi falsi non se ne possono più fare.

La Lazio è a 4 punti, l’Udinese e il Napoli a 3. Non sarà facile raggiungerle. La Roma viene da due vittorie, il suo volto è leggermente cambiato da quando ha preso qualche ceffone di troppo. Maggiore attenzione in difesa, meno tic-toc orizzontali e più lanci verticali. Insomma, il mister sembra aver imparato la lezione del calcio italiano e si sta adeguando. Basterà per imbrigliare il Milan?[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy