Vendesi

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – M.De Santis) – «Il nostro budget – ha spiegato ieri, a margine dell’assemblea degli azionisti, l’ad Claudio Fenucci – è composto dalla somma degli emolumenti con quella degli investimenti sostenuti. Il più è già stato fatto, ma il mercato non è terminato. Finora è stata una campagna più d’acquisti che di cessioni. Ora queste ultime possono liberare delle risorse. Se andranno a buon fine le vendite di alcuni giocatori, valuteremo la possibilità e l’entità di ulteriori investimenti».

Insomma, il mercato continua, ma le dimensioni dei movimenti finali in entrata dipenderanno dal successo di quelli in uscita. Alla Roma, a meno di colpi di scena, non serve tantissimo per autoproclamarsi completa: un difensore centrale – o al massimo due – in grado di giocarsi il da posto titolare e basta. Invece un altro terzino destro, a meno che Jung non ritorni possibile, non è in questo momento tra le priorità. […]

Ora la Roma ha bisogno di piazzare Heinze, José Angel, Rosi, Pizarro, Perrotta, Okaka e Borriello. Per i due terzini ci sono buonissime possibilità che possa succedere in tempi piuttosto previ. Per Rosi, infatti, il Parma ha cambiato la formula dell’operazione e aumentato l’offerta: prestito con diritto di riscatto dell’intero cartellino fissato a 2 milioni e contratto quadriennale al giocatore. […]

Josè Angel farà fagotto e tornerà in Spagna nei prossimi giorni: al Real Sociedad, che ha superato il Valenciam, tanto che il «Cote» ha già prenotato un biglietto di sola andata per San Sebastian. Per Heinze, invece, ci sono delle sirene londinesi. […]

Più complicate le situazioni di Perrotta, Pizarro (per il quale c’è stato un timido sondaggio del Milan) e di Borriello, che può sempre andare al Genoa. Nei piani per liberare risorse, quindi, non c’è la vendita di nessun «big». Da Trigoria continuano a ritenere incedibile Stekelenburg, nonostante quel «Maarten è felice a Roma, ma sogna la Premier League» pronunciato dal procuratore Jansen.

Così come Osvaldo, a meno che non arrivi un’offerta da 20 milioni o l’italo-argentino non accusi qualche mal di pancia. Ieri, intanto, a Trigoria è stata giornata di assemblea dei soci. All’ordine del giorno la ratifica della nomina a consigliere di Giorgio Piccarreta, l’introduzione delle quote rosa e l’aggiornamento della tempistica dell’aumento di capitale «chiamato» fino a 80 milioni: la prima trance da 50 è già in cassa, ma la chiusura del procedimento slitta a dopo l’estate come suggerito dalla Consob. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy