Un errore mollarlo proprio ora

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – T.Carmellini) – Non è momento di difese ad oltranza, perché ognuno a fine anno si assumerà le proprie responsabilità: ma calma e gesso e, soprattutto, niente panico.

Nel bilancio che verrà tracciato dopo le prossime dodici gare di campionato andrà di tutto. La capacità (o meno) di questa nuova dirigenza di mettere in piedi un progetto radicalmente diverso dal passato; la capacità (o meno) di un allenatore al quale la piazza romana ha concesso fiducia ben oltre ogni possibile immaginazione; la capacità (o meno) dei giocatori giallorossi di inserirsi in questo nuovo contesto. Ci sarà insomma un po’ di tutto e lì si faranno i conti veri. Mai come in questo momento sarebbe sbagliato mollare la presa, farsi prendere dal disfattismo e piantare a metà del guado società, tecnico e squadra: tre cose che «ora» sono indissolubilmente legate. Sulla graticola dopo l’ennesima umiliazione è finito inevitabilmente l’allenatore. (…)

Il rischio c’era e si sapeva dall’inizio che si poteva anche andare incontro a un annata difficile: la famosa stagione di transizione che più volte i dirigenti della Roma (sbagliando) hanno provato a «mascherare». Troppe le novità dentro e fuori dal campo di questa squadra che ha ancora bisogno di tempo, di esperienza e come ha detto De Rossi, di gente che fa la differenza. Forse un po’ meno di tutte quelle figure intermedie che sembrano disperdere il potenziale incredibile di questo gruppo che gira troppo spesso a vuoto. Ma è questa la Roma del futuro e cambiare adesso «cacciando» il tecnico sarebbe un errore clamoroso perché non vorrebbe solo dire cambiare allenatore, ma disconoscere la nuova proprietà americana che proprio su Luis Enrique (almeno dal punto di vista sportivo) ha puntato tutto o quasi. Fiducia quindi, seppur a termine, perché a fine stagione non si faranno sconti, per nessuno. Bisognerà capire dove si può arrivare con questo organico, struttura e allenatore. In bilico non c’è infatti solo il futuro del giovane tecnico, ma anche quello di molti altri: dirigenti compresi. Anche perché, facendo i così detti conti della serva, mandare via adesso Luis Enrique servirebbe a cosa? A far arrivare l’ennesimo traghettatore. E soprattutto, chi???Ma per favore!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy