Un arabo socio di Pallotta nella Roma

di finconsadmin

(Il Tempo-A.Austini) Ha ereditato un patrimonio praticamente illimitato, ? nato in Giordania, dove ha legami con la famiglia reale, e avrebbe preso la cittadinanza italiana dopo una serie di investimenti nel Belpaese. Il nome ? ancora top-secret mentre ? certo il motivo della sua presenza in tribuna sabato scorso allo stadio Olimpico per Roma-Juventus: ? pronto a diventare il nuovo socio di James Pallotta al vertice del club.
Se le trattative gi? molto avviate andranno in porto, la Roma parler? l?arabo insieme all?americano e, soprattutto, sar? ancora pi? ricca. Non un cambio di propriet? ma un rafforzamento, con la conseguente riduzione delle quote in mano a Unicredit.

 

A.A.A.Q. – queste le iniziali dello sceicco intervallate da due congiunzioni in lingua araba – e i suoi legali italiani hanno incontrato pi? volte i dirigenti giallorossi negli ultimi mesi. Alle riunioni ha partecipato anche Franco Baldini, prima in un albergo romano del centro, poi, per motivi di riservatezza, in un resort nelle vicinanze della Capitale. Gli accordi non sono stati ancora formalizzati, ma l?affare negli ultimi giorni ha registrato una forte accelerazione ha ottime possibilit? di chiudersi a breve.
Come? Lo sceicco entrer? nella AsRoma SVP LLC, la societ? americana che attualmente controlla il 60% di Neep Roma Holding (l?altro 40% ? in mano a Unicredit), a sua volta proprietaria del 78% delle azioni del club. L?ingresso del nuovo partner dovrebbe coincidere con l?imminente aumento di capitale rinviato due volte per motivi tecnici. E, a questo punto, sar? superiore rispetto agli 80 milioni complessivi stanziati in tre tranche: i primi 50 milioni sono gi? arrivati nelle casse di Trigoria attraverso il finanziamento soci, gli altri verranno dal consorzio americano e dal nuovo compagno di avventura, con la conseguente diluzione delle quote in mano alla banca.
Ne uscir? una Roma dei due mondi, con denaro fresco da investire sul mercato e per le altre spesi correnti, in attesa dei futuri ricavi del nuovo stadio e, si spera presto, degli introiti della Champions. Le difficolt? della squadra, infatti, sono superiori alle aspettative degli americani che vogliono per? continuare a investire su un progetto in cui credono ancora fermamente. E l?unica maniera per alimentarlo, in questo momento, ? continuare a immettere soldi in cassa, mentre l?obiettivo a lunga scadenza resta l?auto-finanziamento.
A capo di tutto ? destinato a restare James Pallotta che ha ereditato il comando dalle operazioni da Thomas DiBenedetto e non intende diminuire il suo impegno. A breve il presidente si riaffaccer? a Trigoria: l?occasione giusta potrebbe essere il derby del 7 aprile. Il socio arabo lo affiancher?, con un ruolo operativo ancora da definire. Di sicuro la sua presenza nel club aiuter? la Roma ad aprire nuovi orizzonti commerciali nel ricco mondo dell?Oriente, l? dove la squadra andr? in tourn?e la prossima estate, mentre resta da confermare il viaggio in Indonesia programmato dopo la fine del campionato.

 

La societ?, intanto, sta per legarsi a un nuovo sponsor tecnico – volata finale tra Nike e Adidas – ed ? ancora alla ricerca di un main sponsor. Diverse le trattative in piedi con marchi internazionali, ma molto dipender? dall?eventuale partecipazione alle coppe europee.
Prosegue sotto traccia anche il lavoro sullo stadio. Firmato l?accordo per i terreni di Tor di Valle, entro luglio la Roma e Parnasi contano di presentare il progetto alle istituzioni, quando in Campidoglio potrebbe esserci un nuovo sindaco. E la politica reciter? inevitabilmente un ruolo chiave per l?accelerazione dell?iter. L?obiettivo resta inaugurare l?impianto per la stagione 2016-17. Un sogno, forse, mentre la Roma ?araboamericana? presto sar? realt?.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy