Ululati razzisti contro Juan: «Mi dispiace per loro»

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – M.De Santis) Ci sono cose che non si vorrebbero mai vedere o sentire, ma capitano ogni maledetta domenica.

(…) La triste, sciocca e idiota litania di «buu» razzisti riservata ai giocatori di colore è una di queste. Succede quasi sempre, in quasi tutti gli stadi. Qualche volta, però, succede anche che qualcuno non faccia finta di niente e dica no. Come Juan, che a un certo punto, dopo 45′ e rotti di «buu», si è prima girato verso la Nord con l’indice sulla bocca, poi è andato dal quarto uomo e infine si è preso gli abbracci consolatori di De Rossi e di qualche laziale (con Matuzalem impegnato, a gesti, a zittire gli ululati).

«Una cosa simile – ha detto Juan – non mi era mai successa, neanche in Germania e Brasile. Mi dispiace più per chi ululava che per me, ho la personalità per essere tranquillo e sereno. Eravamo entrati in campo con una maglietta contro il razzismo, ma certe persone non capiscono niente. Io ho sempre avuto il massimo rispetto per tifosi e giocatori biancocelesti, molti di loro mi hanno anche abbracciato. La partita? Abbiamo fatto il massimo, non è bastato». Ora la Lazio rischia una forte multa o la squalifica del campo (…).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy