Tutti i danni provocati dagli “sgub” de' noantri

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – T.Carmellini) Una volta c’era qualche folkloristico personaggio televisivo a fomentare l’umore dei tifosi con i suoi «sgub» dell’ultima ora.

Oggi, in assenza di palle che rotolano, ci si butta inevitabilmente su tutto. Il problema, atavico, è che tutto o quasi ciò che esce sui giornali o viaggia via etere diventa oro colato all’insegna del «dice», «sembra», «mi dicono…». Occasione ghiottissima per i detrattori della Roma, ma non solo. Così succede che se l’Inter compra Palacio (a 10 milioni), a Roma diventa che «manco Palacio semo riusciti a comprà…». Non è che magari, visto che il club di Trigoria aveva opzionato il giocatore da mesi, non lo ha preso perché non lo ha voluto più prendere!? (…)

E vogliamo parlare del caso Montella? «Nun lo piamo perché Sabatini e Baldini stanno a litigà…». In realtà ci sono di mezzo soldi (…), ma soprattutto la volontà di non fermarsi a un unico tecnico e magari allargare la scelta nella consapevolezza di non poter più sbagliare: Villas Boas, Bielsa, chissà… aspettare per credere. E la società? «Ruane e D’Amore stanno pe’ lascià… perché nun c’hanno i soldi». Mentre invece i due restano «dentro» eccome, anzi non vedono l’ora di conoscere la squadra, che incontreranno nella tournée americana probabilmente a Boston contro il Liverpool: poi magari all’interno della cordata può variare la percentuale di partecipazione tra i soci, ma cambia poco… o no!?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy