Totti mette la freccia

di finconsadmin

(Il Tempo – A.Serafini) – ?Tranquilli, segno una doppietta con il Genoa e supero Nordahl?. Sono passati tredici giorni, ma la voce di Francesco Totti continua a rimbombare tra i corridoi di Trigoria.

Forse perch? a pochi giorni dalla sfida dell’Olimpico, nessuno si ? scordato della promessa fatta dal capitano. La nuova Roma di Andreazzoli infatti sorride godendosi un momento, che proprio grazie al numero dieci ha aperto uno spiraglio di luce nel tunnel di oscurit? passato sotto la gestione Zeman.

 

Dalla saetta terminata alle spalle di Buffon, la rinascita romanista parte ancora una volta sotto l’insegna del suo giocatore pi? rappresentativo. La cura Andreazzoli si avvale della medicina Totti per iniziare un percorso di continuit? praticamente mai riuscito nell’ultimo anno e mezzo, da quando le bandiere americane hanno iniziato a sventolare al ?Fulvio Bernardini?.

 

Saltata l’Atalanta per squalifica, ora il prossimo impegno con il Genoa assume un doppio significato per il capitano, che nella rimonta programmata della Roma per guadagnarsi un posto sicuro in Europa, potrebbe trovare seguito anche nell’abbattimento costante dei suoi record. La rete segnata contro la Juventus infatti, lo ha portato ad una sola distanza da Nordahl (a quota 225 reti) fermo, ormai non pi? tanto saldamente, al secondo posto dei capocannonieri pi? prolifici di sempre in Serie A. Una rincorsa cominciata nel tempo e impreziosita ad inizio stagione dal raggiungimento del terzo gradino del podio occupato da Meazza e Altafini.

 

In vista di superare la trentasettesima primavera, Totti punta la leggenda svedese con il sogno, timidamente nascosto in un cassetto, di mantenere quella condizione strabiliante che lo porterebbe soltanto ad immaginare di conquistare la vetta occupata da Piola a 274 reti. Ma nella storia del numero dieci romanista, i traguardi sono fatti per essere raggiunti. Le difficolt? generali incontrate sotto la gestione Luis Enrique, ne hanno frenato uno spirito realizzativo, che per il primo anno dopo undici consecutivi, non gli ha permesso di raggiungere la doppia cifra in campionato (8 reti). Le 9 messe gi? a segno in stagione, fanno pensare che la tendenza sar? ribaltata a breve, chiss? magari gi? dalla prossima gara, perch? per Totti ?Non ? finita qui?.

 

Mentre la stampa mondiale ne esalta l’immortalit? delle sue prestazioni, i bookmakers sono gi? pronti ad abbassare le quote per i prossimi bersagli agganciati nel mirino. ?Smetter? a quarant’anni?, la promessa e il preciso messaggio alla societ?, che nei prossimi mesi dovr? ridiscutere un contratto in scadenza a giugno 2014. L’accordo quinquennale per un posto in dirigenza (firmato durante la precedente gestione) dovr? aspettare ancora un po’, per un personaggio che prima di diventare ambasciatore giallorosso nel mondo, continuer? ad essere simbolo e marchio imprescindibile (anche ? pubblicitario) dentro e fuori dal campo. Un patrimonio della citt?, coccolato da tifosi, compagni e allenatori, che quando hanno avuto la fortuna di poterlo allenare, gli hanno sempre consegnato la prima maglia durante la lettura della formazione titolare. Un riconoscimento di manifesta superiorit?, che da Luis Enrique ad Andreazzoli, passando per Zeman, non ha mai potuto tener conto di moduli e sistemi di gioco.

 

?Un esempio?, la definizione dell’attuale tecnico, che nell’amicizia costruita negli ultimi 8 anni a Trigoria, ha riscontrato una professionalit? invidiabile e una gestione impeccabile dei momenti difficili vissuti all’interno dello spogliatoio. Anche perch? domenica sera, ventuno anni dopo il suo primo passo a Trigoria, toccher? di nuovo a lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy