Stadio Roma: dubbi di Friedkin, ma Tor di Valle rimane in pole

Il presidente incontra Caltagirone e valuta altre aree per l’impianto

di Redazione, @forzaroma

Da alcuni giorni si inseguono sussurri su un possibile abbandono di Tor di Valle per il progetto Stadio della Roma da parte dei Friedkin. Cene, incontri riservati e consigliori: c’è una specie di corrente che prova a convincere i nuovi proprietari del club giallorosso a “mollare” il progetto ereditato da Pallotta considerato troppo faraonico e oneroso. A quanto risulta a Il Tempo, fra i consigliori che si muovono con i nuovi arrivati, totalmente ignari della realtà capitolina, ci sarebbe anche un altissimo funzionario del Ministero delle Finanze. E, fra gli incontri va annoverata anche una cena fra i Friedkin e Caltagirone.

Uno dei problemi è la Raggi: chiacchiere a parte, le difficoltà politiche del Sindaco sullo Stadio non sono sfuggite neanche a due neofiti della melassa politica romana come i Friedkin. Un pezzo importante dei consiglieri grillini usa lo stadio come mezzo di pressione sulla Raggi e, politichese a parte, i pezzi di carta non si muovono con gli annunci. Da inizio agosto a oggi, nessun atto è stato prodotto né in Regione né in Città Metropolitana quindi la Convenzione, pur conclusa nella fase di trattativa, non è pronta ad entrare in votazione. E se realmente la Raggi vuole approvare tutto prima di Natale, sono rimasti quindici giorni di limbo. Poi il tempo scadrà.

Spostarsi da Tor di Valle, però, non è una strada percorribile: qualunque altra destinazione e qualunque modifica del progetto che ne alteri significativamente il volume comporta ricominciare tutto da capo. Ovvero: buttare sette anni di lavoro e 80 milioni di euro spesi alla vigilia del voto in Consiglio comunale per far ripartire tutto da zero. Stavolta, però, i soldi e il tempo lo metterebbero i Friedkin e senza eliminare i comitati del no.

Insomma, cene e consigliori a parte, alternative pronte a Tor di Valle per i Friedkin non ce ne sono a meno di non ricominciare con un nuovo Sindaco. Anche perché in soccorso di Tor di Valle – oltre tempi, soldi e politica che ne sconsigliano l’abbandono – dovrebbe arrivare Vitek che avrebbe concluso gli accordi con UniCredit per rilevare le due società una volta di Parnasi, Capital Dev e Parsitalia, con il portafogli di opere che hanno in pancia. Vitek che, nelle ultime ore, ha ridefinito l’accordo con Parnasi per subentrare nel progetto Tor di Valle per il quale ha sicuramente la liquidità che serve.

Sul fronte societario mercoledì si è riunito il CdA di As Roma che ha ritenuto congruo il prezzo di 0,1165 euro per ciascuna azione previsto dall’Opa lanciata dai Friedkin, che hanno una voglia evidente di arrivare al delisting dalla Borsa, dopo il quale potrebbe subire variazioni lo stesso cda. Una delle altre questioni in ballo è quella relativa allo sponsor tecnico, una casella da riempire dopo la rescissione con Nike. Al momento, Francesco Calvo, dirigente giallorosso, è in trattativa avanzata con New Balance (non l’unica pretendente): le parti sono vicine ad un accordo quadriennale, che prevede una base fissa inferiore a quella che garantiva Nike a cui vanno poi aggiunti dei bonus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy