Spalletti, addio al veleno. Ora Di Francesco

La panchina della Roma cambierà proprietario per la quattordicesima volta in 14 stagioni. Il toscano se ne va perché non si sente supportato a dovere dalla società

di Redazione, @forzaroma

Fuori un altro. La panchina della Roma cambierà proprietario per la quattordicesima volta in 14 stagioni, la media è di un anno ad allenatore. Ora tocca di nuovo a Spalletti rifare le valigie, con la stessa sensazione di qualcosa di incompiuto che accompagnò il suo commiato nel 2009, dopo appena due partite di campionato giocate. Come allora, il toscano se ne va perché non si sente supportato a dovere dalla società. Nella gestione tormentata del fine carriera di Totti, sul mercato, nel rapporto col mondo esterno, Spalletti accusa la Roma di averlo lasciato solo. Ma c’è pure la «verità» dei dirigenti, che racconta un’altra storia. Su Totti, ad esempio, era stata presa una decisione già un anno fa: la scorsa stagione doveva essere l’ultima in campo del capitano, ma Spalletti, andando allo scontro con Francesco, ha riacceso un fuoco ormai quasi spento con tutte le conseguenze (anche positive) del caso, che hanno costretto Pallotta a concedere un altro anno da calciatore a Totti. Quanto al mercato di gennaio, Spalletti ha prima chiesto un centrocampista, poi si è opposto all’arrivo di Defrel («stiamo bene così»), quindi, dopo l’infortunio di Florenzi, è tornato a lamentarsi della rosa. La verità, come spesso accade, è nel mezzo, ma ormai l’allenatore ha deciso di andarsene e la Roma stessa crede sia giusto separarsi. Per non ricominciare tra i dubbi reciproci.

Sabatini ha eletto Spalletti come prima alternativa a Conte per la panchina dell’Inter e se entro la settimana non avrà una risposta positiva da Londra (sabato il Chelsea si gioca la finale di Fa Cup), convocherà Luciano per buttar giù un accordo. L’ex ds giallorosso ripartirà la prossima settimana verso la Cina, con le idee più chiare da portare sul tavolo di Suning. (…) sarà Ricky a decidere. Se sarà il cuore a prevalere nella scelta, tornerà a lavorare con Sabatini. Il nuovo diesse giallorosso si è già cautelato: Miguel Angel Gomez è pronto a rompere col Siviglia e ricongiungersi con Monchi, rientrato ieri proprio dalla «sua» città spagnola.

Il nuovo allenatore è la priorità della Roma. Al momento Di Francesco sembra in pole, ma non c’è ancora nulla di fatto. A dire il vero, al di là dei contatti con intermediari vari, Eusebio non ha incontrato i dirigenti giallorossi. Sabato comunicherà a Squinzi la decisione di lasciare il Sassuolo e si aspetta che venga liberato senza la necessità di pagare la clausola da 3 milioni. Nel frattempo spera di ricevere la telefonata della Roma che sta valutando altri profili. Quasi solo italiani.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. delgottardo.vincenz_820 - 3 anni fa

    società inesistente chiacchiere tante risultati nulli mercato roma aperto a tutti coloro che vogliono comprare mandiamo anche mister Pallotta al inter

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy