Sorrisi e poker. La Roma si ritrova

Sorrisi e poker. La Roma si ritrova

La rombante vittoria di ieri contro il Lecce potrebbe rappresentare la svolta per ripartire

di Redazione, @forzaroma

E’ vero, il Lecce non è test probante per pensare di aver messo alle spalle la crisi, ma alla Roma serviva come il pane tornare a vincere in casa in campionato cosa che non le riusciva dallo scorso 15 dicembre. Arriva così, sull’onda dei gol di Under, Mkhitaryan, Dzeko e Kolarov, il primo successo dell’anno all’Olimpico per la Roma di Fonseca: quattro a zero senza storia contro il Lecce e secondo clean sheet consecutivo. Un bel segnale per il futuro in vista della trasferta di Europa League, ma anche di quella molto insidiosa di Cagliari di domenica prossima. Il tecnico giallorosso continua a cambiare, prova e riprova forse pensando anche all’impegno di coppa in programma giovedì in Belgio e “taglia” Carles Perez: uno di quelli che alla vigilia sembrava avere il posto da titolare già in tasca. Così non è stato e stavolta il portoghese punta su Under e Mkhitaryan: autori di due dei quattro gol giallorossi. Ha avuto ragione lui e non è un caso se quattro delle ultime cinque reti giallorosse sono arrivate proprio dagli esterni: quelli che fin qui erano mancati all’appello. Ma non è mai stata una partita vera, perché Liverani arrivato all’Olimpico orfano dei suoi tre gioielli, ha mostrato tutti i limiti di questo Lecce nona caso ancora impelagato nella lotta per la salvezza. Apre Under dopo tredici minuti, grazie a una gran palla che Mkhitaryan (migliore in campo dei suoi) strappa dai piedi di Petriccone e serve «ripulita» al giovane turco. A questo poi l’armeno aggiunge un gol (terzo stagionale), prima del 3-0 firmato da Dzeko e assegnato da Giacomelli dopo un rapido consulto con i colleghi alla Var. Il bosniaco anche stavolta però ha fatto il suo meglio per i compagni: assist-man ormai conclamato anche ieri sera ha servito palloni fantastici per tutti. Ciliegina sulla torta firmata Kolarov che viene poi beccato dalla Curva Sud: gente che non dimentica gli sgarbi del passato. Il bilancio non può che essere positivo, tre punti che sono ossigeno puro per questa Roma ora con la mente libera verso la sfida di ritorno contro il Gent: non certo una passeggiata vista l’andata. Ma è oro colato anche per i suoi uomini, Dzeko in testa. Il bosniaco, come riportato da “Il Tempo“, tocca quota 102 gol con la maglia della Roma e raggiunge Montella in questa particolare classifica giallorossa. Non male. Unico neo della serata, oltre al coro contro Kolarov, il giallo rimediato da Mancini diffidato che gli costerà la prossima sfida di campionato: peccato, perché quest’anno per la Roma la giornata perfetta non esiste.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy