Scintille tra Burdisso e Osvaldo

di finconsadmin

(Il Tempo – A.Serafini) Il traguardo si avvicina, il tempo diminuisce e a sua volta cresce la tensione. Quella che a Trigoria si continua lentamente a respirare nell’aria. E non sorprende che nei momenti pi? delicati, basta un po’ di esuberanza fisica e un pizzico di nervosismo per far inasprire e agitare gli animi. Un filo conduttore di emozioni che hanno coinvolto Burdisso e Osvaldo, protagonisti di uno dei tanti battibecchi esplosi negli ultimi giorni di allenamento tra le mura di Trigoria. La marcatura stretta e un’entrata pi? dura del solito da parte del difensore hanno fatto il resto: vola qualche parola grossa, poi cala il silenzio sul resto della seduta. Nulla che non si sia gi? visto sui campi di calcio o che non sia mai successo all’interno di uno spogliatoio, anche se episodi di questo genere hanno coinvolto con maggiore frequenza le sedute del post derby. Se ieri il clima ? apparso pi? disteso (Burdisso e il preparatore dei portieri Nanni hanno festeggiato i rispettivi compleanni con tutto lo staff tecnico), l’accaduto non ha fatto altro che rafforzare le convinzioni della dirigenza che ha deciso di sfruttare il momento per risolvere tutte le situazioni in ballo rimaste velatamente in sospeso.

 

 

Il malcontento generale ha convinto Andreazzoli e Sabatini a riunire gli ultimi sforzi per non sbagliare l’unico obiettivo rimasto in questo ultimo scorcio di stagione. Il ritorno in Europa ? una priorit?? Allora non resta che provare con il ritiro. E se dal ?Bernardini? assicurano che non ci sia nessun male estremo e che la decisione presa non sia neanche un estremo rimedio, la tempistica dei prossimi impegni non lascia spazio ad altre soluzioni. Sabato la truppa romanista partir? alla volta di Torino ritrovando le miti temperature della capitale nella nottata del mercoled? successivo. Un lasso di tempo in cui i giallorossi saranno impegnati tra la sfida di campionato domenicale con i granata e il fondamentale ritorno di Coppa Italia a San Siro con l’Inter. Lasciata la Mole quindi, la Roma si fermer? per due giorni a Novara (nell’attrezzato centro sportivo di Novarello) stringendo le distanze anche per la successiva tappa milanese.

Una novit?, quella del ritiro esterno, che nonostante sia una strategia logistica usuale per tanti club (l’Inter lo ha fatto in questa stagione proprio nel doppio confronto romano con i giallorossi tra campionato e l’andata di Coppa), non era mai stata adottata da quando il consorzio Usa si ? insediato alla guida del club. Nessuna punizione ufficiale, soltanto l’intento comune, studiato dalla societ?, per cementare i rapporti tra il gruppo e tenere alta l’asticella dell’attenzione nei giorni che decideranno le sorti e i nuovi obiettivi del prossimo futuro. Nessuno sar? esentato, anche gli acciaccati e gli squalificati di Coppa – coincidenza saranno proprio Burdisso e Osvaldo – si alleneranno e seguiranno i propri compagni nei vari spostamenti. Scongiurando almeno il rischio di nuovi viaggi-lampo in giro per le capitali europee.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy